"Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione. Art. 21 della Costituzione italiana"

Iscriviti alle newsletter

I fatti e le opinioni

Ascolta la tua radio

Calendario per la ricerca degli articoli pubblicati

< Giugno 2013 >
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 23
24 25 26 27 28 29 30


Cocullo e la festa dei serpari

PDF
Tradizioni - Abruzzo
Scritto da Lucrezia   
Lunedì 08 Marzo 2010 17:48
Hits

San Domenico Abate

Ricorrenza: il primo giovedì di maggio

Ogni anno, il primo giovedì di maggio, Cocullo, un piccolo paese di montagna, a cavallo tra la Marsica, la Valle Subequana e quella Peligna, diventa un centro di attrazione internazionale.

Migliaia di turisti vi accorrono per assistere a quel­la che ormai tutti considerano la più singolare delle feste popolari. L'elemento che cattura l'attenzione e la curio­sità generale è, come è noto, la presenza dei ser­penti.

Dalle prime ore del mattino cominciano a confluire sulla piazza del paese giovani e ragazzi che reggono in mano grossi rettili e li mostrano all'ammirazione dei turisti.

Ma l'avvenimento cen­trale della giornata è l'uscita della processione e la cosiddetta vestizione del Santo, sulla cui statua vengono posti i serpenti che, strisciando, vanno a rannicchiarsi intorno al capo del simulacro.

È un momento emozionante per tutti, atteso,inseguito da fotografi e cineoperatori, che creano uno spettacolo nello spettacolo, la qual cosa ormai, costituisce, in un certo senso, l'aspetto più interessante dell'evento.Il vero significato della festa, infatti, va colto al di là del dato spettacolare, al quale spesso si ferma il turista.

Da una angolazione meno scontata la festa di San Domenico a Cocullo ha ancora qualcosa da dire con le ormai sparute compagnie di pellegrini che immancabilmente giungono ogni anno dai paesi vicini, dal Molise, dall'Alto Lazio, da Atina, con gli zampognari in testa e ai quali spetta l'ono­re di aprire il corteo processionale.

Lo spirito della festa è ancora negli atteggia­menti di quei devoti che non mancano, ormai quasi furtivamente, consapevoli della irrazionalità del loro gesto, di raccogliere la raschiatura del pavimento del Santuario, per conservarla come un potente amuleto contro i bruchi e gli insetti nocivi per l'agricoltura, o di suonare la campanella posta vicino l'altare del Santo, afferrando la cordicella con i denti, per proteggersi dalle odontalgie.

Il valore della festa sta nella reliquia del Sacro Dente che file di devoti si accingono a baciare e che per secoli ha costituito un punto fermo della devozione popolare; sta nel ferro della mula a cui l'immaginario collettivo attribuisce virtù tauma-turgiche per uomini e animali, legati in un comu­ne destino di incertezze e disagio.

La vera Cocullo è nei canti antichi di qualche solitario penitente come il vecchio Giambattista Coccia di Villavallelonga, disposto ad attraversare tutta la Marsica per intonare davanti al Santo i suoi inni di lode, segno di un dato culturale profondo, anche nel ricordo che gli riporta in mente il tempo in cui " le voci e le preghiere dei pellegrini faceva­no risuonare tutte le montagne e le vallate".

Cocullo sta nelle meravigliose storie di gente umile e sconosciuta che ogni anno rinnova il miracolo della fede e della speranza in questo Santo semplice e montanaro come loro, che, come loro, conosceva le difficoltà, le incertezze, i pericoli della vita, ma sapeva ammansire i lupi, vincere il morso dei serpenti, rassicurare una umanità dolente e sottomessa.

Fonte Edizioni Menabò – d’Abruzzo

Vedi anche: Cocullo Story

Ultimo aggiornamento Mercoledì 25 Aprile 2012 22:45
 

Per poter effettuare un commento è necessario accedere con il proprio nome e password. Grazie

Per esprimere un commento, è sufficiente registrarsi

Password

  • Password dimenticata?
  • Nome utente dimenticato?
  • Registrati
  •  

     

    il primato


    Hai trovato un tesoro di SiteBooK

    Gli articoli pubblicati sono espressioni dei singoli estensori e si declina ogni responsabilità sul loro contenuto. Le foto riprodotte in questo sito provengono in prevalenza da Internet e sono pertanto ritenute di dominio pubblico. Gli autori delle immagini o i soggetti coinvolti possono in ogni momento chiederne la rimozione, scrivendo al seguente indirizzo di posta elettronica ilprimato@ilprimato.com

     

     


    Free PageRank Checker

    Calcola un giorno

    della settimana

    Giorno
    Mese

    Anno

    Giorno della settimana

    Add To Fwicki Add to My Yahoo!
    Add to Alesti RSS Reader Add to Netvibes
    Add to Feedage.com Groups Add to Windows Live
    Add to Google! Add to AOL!
    Add to MSN Subscribe in Bloglines
    Add to Feedage RSS Alerts

    Feedage Grade B rated

    Visita site-book

    Per ogni visitatore

    viene conteggiato solo
    il primo ingresso
    SiteBook

    Classificando

    Valid RSS RSS
    Japon porno
    Akrep Burcu Terazi Burcu
    arac muayene randevu arac randevu arac muayene alma bilinmeyen numaralar canli sohbet numarasi sohbet hatlari canli sohbet hatlari uyap dava sorgulama trafik ceza sorgulama dava sorgulama vergi borc sorgulama emeklilik hesaplama ne zaman emekli olurum