Trovata la reggia di Ulisse

Ma gli esperti ora frenano

Archeologi greci aveva­no annunciato ieri di avere trovato i resti del palazzo di Ulisse a Itaca, ma ora arriva­no le prime perplessità degli esperti.

La notizia se confer­mata significherebbe la più grande scoperta archeologi­ca degli ultimi decenni.

Il professor Atanasio Papadopolos, dell'Università di loannina, che ha guidato un'equipe di archeologi che da 16 anni compie scavi nel nord dell'isola, ha spiegato che il palazzo di grandi di­mensioni ha una struttura si­mile a quella di altri edifìci omerici scoperti in passato, fra cui quelli di Micene e Pylos.

Sulle tracce perdute dei paesi fantasma

La nostra penisola pullula di borghi carichi di storia, ma completamente abbandonati da decenni. Oggi sono diventati la meta di un turismo alternativo e clandestino

di Federico Taddia

Craco, una cinquantina di chilometri da Matera, è un po' la bandiera di un'Italia che c'era, ma che non c'è più: un suggestivo intreccio di case in pietra arroccate sulla roccia, che guarda la piana sottostante ostentando il proprio stato di vuoto e desolazione.

Un set cinematografico a cielo aperto, tanto da essere scelto da Mel Gibson come sfondo dell'impiccagione di Giuda nel film «The Passion».

L'americano che riscopre le lapidi di Roma

Tyler Lansford, docente in Colorado, è andato alla ricerca delle iscrizioni latine sui monumenti che costellano la città

di Masolino D’Amico

Più forse di ogni altro luogo al mondo, Roma affascina per la coesistenza di tanti strati di storia; la sola piazza Venezia riunisce monumenti romani, medievali, rinascimentali, barocchi, e quel trionfo del cattivo gusto umbertino che è l’Altare della Patria.

Inoltre ogni epoca ha lasciato traccia di sé con testimonianze minori come stele e lapidi commemorative.

Un’equipe italiana torna a far splendere Hierapolis 

Sarà una missione archeologica italiana a ricreare una delle più fastose facciate teatrali in marmo dell’antichità.

Presso uno dei siti archeologici più affascinanti della Turchia, la città romano-ellenistica di Hierapolis, l’odierna Pamukkale, situata nella regione una volta denominata Frigia, grazie alle tecnologie e alle competenze italiane, sta per avere inizio un ambizioso progetto: la ricostruzione della facciata teatrale costruita sotto il regno di Settimio Severo agli inizi del III sec. d.C., uno degli esempi meglio conservati dell’architettura “barocca” sviluppatasi nelle province orientali dell’Impero romano.

La vera storia dei bronzi di Riace

Finora si era creduto che venissero da lontano.

Ma lo scrittore Mimmo Gangemi è convinto che siano stati forgiati a Kaulonía, in Calabria.

E spiega perché

di Mimmo Gangemi

Vezzii, Vezzii» urlavano festosi i Brettii, dall'alto d'una collinetta a ridosso di Kaulonía, durante il compiersi dell'agonia della grande bireme romana, che colava a picco in uno sfasciume di legname.