Pin It

Nuova vita per i Rotoli del Mar Morto

Grazie a un accordo tra le autorità israeliane per l'antichità e Google i testi biblici del I sec. d.C. saranno online.

Con testo a fronte e traduzione all'aramaico

 

Dopo Google Earth, Street View, e le versioni digitali di Marte e della Luna, anche i Rotoli del Mar Morto saranno visionabili da una pagina dedicata da Google. Il grande motore di ricerca ha stipulato un accordo con le autorità archeologiche israeliane per l'utilizzo delle immagini degli antichi testi su cui si basano molte delle interpretazioni apocrife del Nuovo e del Vecchio Testamento. SCANNER NASA - Per chi non conosce l'Aramaico antico, Google fornirà la traduzione a fronte della trascrizione dei testi originali. I manoscritti erano stati ritrovati tra il 1947 e il 1956 nelle undici grotte nella zona di al Uadi di Qumran, vicino alle rovine dell'antico insediamento di Khirbet Qumran, sulla riva nord-occidentale del Mar Morto. E ora continueranno il loro viaggio dall'antichità al post-futuro del Cyberspazio attraverso scansioni effettuate con una tecnologia della NASA. Saranno quindi immagini più dettagliate di quelle ottenute agli infrarossi negli anni '50.

SALVAGUARDIA - Un'operazione di alta tecnologia. Ma soprattutto un'operazione di protezione e salvaguardia degli antichi documenti. «Una volta digitalizzati gli originali e manadati on line, non sarà più necessario esporre ai rovinosi effetti della luce e dell'aria i fragili frammenti di pergamena e di papiro». ha spiegato Pnina Shor, direttore del progetto all' Israel Antiquities Authority, dove sono conservati.

ENTRO DICEMBRE - I rotoli del mar Morto sono composti da circa 900 documenti, riconosciuti come gli scritti di una setta ebraica dissidente che, a partire dal primo secolo avanti Cristo, si sarebbe volontariamente autoesiliata sulle rive desertiche del Mar Morto, a circa trenta chilometri in linea d'aria da Gerusalemme. Le prime immagini saranno pubblicate on-line entro dicembre. E l'intero processo di acquisizione durerà 5 anni.

www.corriere.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna