Padova 7 gennaio 1610, quel rivoluzionario gesto scientifico di puntare il cannocchiale su Giove.

Una data storica per l’Astronomia e la civiltà occidentale: il cattolico Galileo Galilei scopre, grazie al suo cannocchiale, tre nuovi mondi intorno al pianeta Giove….

I quattro satelliti Medicei saranno poi chiamati: Io, Europa, Callisto e Ganimede.

Dalla Svizzera all’Australia guardando le stelle

 

di Sophie Roselli

Grazie a un nuovo telescopio unico al mondo, che scruterà per il cielo dell'emisfero sud con una precisione mai vista prima, l'astrofisico basilese Helmut Jerjen tenta di scoprire dall'Australia i segreti dell'universo.

Venere

Sul pianeta Venere, il giorno dura più dell’anno. Infatti, una

rotazione completa intorno al proprio asse (che determina il

variare del giorno e della notte) si compie in un tempo

equivalente a 243 giorni terrestri, mentre la rivoluzione

intorno al Sole (che determina il variare delle stazioni) è più

veloce, compiendosi in media in 224 giorni terrestri.

Il sistema solare

 

Se le dimensioni del sistema solare fossero ridotte in modo che il suo raggio occupasse la lunghezza di un regolare campo di calcio e il Sole fosse posto sulla linea di una delle due porte, Mercurio, Venere, la Terra e Marte risulterebbero all’interno dell’antistante area di rigore; Giove sarebbe vicino al dischetto del calcio di rigore, poi Saturno e quindi Urano a centro campo per arrivare a Nettuno e quindi a Plutone (ora classificato pianeta nano) sulla linea della porta avversaria.

Telescopio del monte Semirodriki

 

 

Uno dei più grandi e potenti telescopi riflettenti del mondo oggi esistente è quello installato a 2.080 metri di altezza sul monte Semirodriki, nel Caucaso.

L’intera struttura è alta 42 metri e pesa 840 tonnellate.

Il suo specchio ha un diametro di 6 metri.La sensibilità dello strumento è tale che è possibile individuare la luce emessa da una candela posta a 24.000 chilometri di distanza.