Pin It

Da oggi issiamo il tricolore sulla testata de Il Giornale.

di Alessandro Sallusti*

Una coccarda-coccola a questo nostro disgraziato ma meraviglioso Paese, oggi più che mai orgogliosi di essere italiani e di avere una classe medica di così alto livello.

Tifiamo per l'Italia intera perché deve essere chiaro che qui o ci salviamo tutti o non si salva nessuno.

Mi spiego. Speriamo che i focolai di Coronavirus non si allarghino e stiano confinati al Nord, la zona del Paese oggettivamente più attrezzata a gestire emergenze sanitarie e non solo per la qualità delle sue strutture.

Mettiamo quindi che il Centro e il Sud, come ci auguriamo, escano sostanzialmente indenni dall'epidemia e dalle sue conseguenze.

Sospiro di sollievo? Certo, ma al momento solo e non è certo poca cosa dal punto di vista sanitario.

Per il resto, anche al Sud c'è poco da stare tranquilli, perché se su un convoglio si guasta la locomotiva, anche le carrozze sane finiscono la corsa: tutto il treno si ferma nello stesso istante e allo stesso modo.

Il motivo di questo rischio economico pandemico è semplice: in quattro regioni del Nord proprio quelle più colpite dal virus si concentra circa il 50% di occupati, produzione e consumi di tutta Italia.

Che significa il 50% del monte tasse e altrettanto dei contributi previdenziali necessari per pagare le pensioni di tutti.

Una montagna di soldi che viene incamerata dallo Stato e ridistribuita in tutta Italia per sostenere le zone del Paese più in affanno, in particolare il Sud.

C'è poi il fattore della bilancia commerciale interna che misura gli scambi di merci e servizi tra Nord e Sud. Se il Nord andasse in pesante recessione, entrerebbero in crisi anche le aziende del Sud che «esportano» beni al Nord.

Se a Milano, per fare un piccolo esempio, dovesse rallentare a lungo il comparto della ristorazione, a risentirne sarebbero anche i pescatori del Sud, e con loro gli autotrasportatori che ogni notte risalgono la penisola per rifornire i mercati lombardi e piemontesi e via via molti altri, tanto che in generale si impoverirebbero anche le famiglie del Sud.

Non si scappa: o Nord e Sud stanno insieme nell'affrontare questa emergenza o qui nessuno uscirà indenne.

Neppure, tanto per capirci, le famiglie che percepiscono il reddito di cittadinanza (che in certe zone del Sud sono una su quattro).

*www.ilgiornale.it

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna