23 gennaio 1932, nasce

La Settimana Enigmistica

L'America che legge all'europea

di Francesco Semprini

Il Nuovo Continente guarda il mondo attraverso gli occhi dell’Europa.

RITORNO ALLA

BELLEZZA

Edizioni Simple

una guida per continuare a sentirsi belle sempre, anche nella malattia 

Ritorno alla bellezza

TRE TERAMANI COLLABORANO ALLA REALIZZAZIONE DEL SITO INTERNET DEL CHITARRISTA DEI NOMADI, CICO FALZONE.

Teramo, 28 ottobre 2009

Il 25 ottobre scorso si è tenuta in provincia di Parma la cerimonia di inaugurazione del sito internet dedicato a Cico Falzone, chitarrista dello storico gruppo dei Nomadi, anche alla presenza del fondatore e tastierista Beppe Carletti.

L’opera, che ha ottenuto unanimi apprezzamenti, è visibile all’indirizzo internet www.cicofalzone.it è stata curata da 4 giovani professionisti di cui 3 teramani, Gabriele Marcangelo per la grafica e il web design, Luciano Di Leonardo per il web development, e l’Avv. Berardo Di Ferdinando che ha curato gli aspetti legali del sito.
Il sito è stato progettato, sviluppato e realizzato dal team teramano in pochi mesi grazie ad un accurato lavoro di squadra, ed è stato occasione anche per dare aiuto all’Associazione Augusto per la Vita, nata in memoria del Leader del gruppo
Augusto Daolio, scomparso prematuramente nel 1992.

l’Avv. Berardo Di Ferdinando
328.478.64.14
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Il Risorgimento

Quotidiano fondato da Camillo Benso conte di Cavour  e da Cesare Balbo, il primo numero esce il 15 dicembre 1847,Deve la sua fama a Cavour: la mente organizzativa e vulcanica, il primo direttore e l’ispiratore diretto.

Si può dire che Il Risorgimento è stato il trampolino per l’ascesa al potere del grande Statista.

Attorno a Cavour vi erano Michelangelo Castelli, Pietro di Santa Rosa, il banchiere Filippo Galvagno, barone Petitti di Roreto e altri esponenti del liberalismo piemontese, tra cui Roberto d'Azeglio, Pier Carlo Boggio, N.A. Castelli, Filippo Cordova e G. Torelli. Termina le sue pubblicazioni nel dicembre 1852