Pin It

Su circa cinquecentomila candidati alla maturità, sono 15 mila gli studenti che non hanno superato l’esame.

Cioè 3 mila in più rispetto all'anno passato.

Anche alle medie si dovrebbe registrare un vero record: 12 mila respinti in più.

«La scuola non può promuovere sempre tutti. Una scuola che promuove tutti è una scuola che non fa il bene del ragazzo. Io ho idee diverse».

Questo il commento del ministro Mariastella Gelmini ai primi risultati sulla maturità. Insomma, anche secondo il ministro, «non fa mai piacere quando il ragazzo viene bocciato, ma la scuola deve assumere il compito di educare e anche segnalare quando ci sono delle lacune.

Bisogna quindi premiare chi si impegna durante l'anno. Perché ci deve essere una differenza tra chi si dedica allo studio e chi invece no».

Il voto in condotta ha avuto il suo peso: oltre 9.500 i ragazzi non ammessi a causa del comportamento.

Di questi 6.500 alle scuole superiori e 3 mila alle medie. Il ministro ci tiene a sottolineare che quello della condotta è «uno strumento utile.

Il ragazzo, oltre al rendimento, deve essere valutato anche per il suo comportamento». Solo così si potrà tornare al rispetto dell'istituzione scolastica, «per i compagni, per i professori e per le strutture».

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna