Pin It

Artisti inglesi, paesaggi d’Abruzzo 2013

Mostra d'arte dal 12 al 15 agosto - Palazzo Ducale

di Francesca Rapini

L’arte e il paesaggio rappresentano in estrema sintesi il legame all’Abruzzo – e in particolare alla Maiella - di alcuni pittori inglesi che da anni frequentano la regione, grazie anche a Bimbi Bellhouse, designer londinese e al marito Spencer Power, che insieme organizzano la manifestazione giunta alla quarta edizione.

La loro fattoria sulle colline è diventata in alcuni periodi dell’anno un frequentato cenacolo artistico internazionale, aperto alla cultura locale.

Nella mostra sono presenti opere di artisti di varia notorietĂ  e importanza.

Questi i loro nomi: Adrian Hemming, Harriet Jacob, Lucinda Newall, Rosalind Peach, Spencer Power, Matilda Power, Carolinda Tolstoy, Peter Webb, Barbara Westerich, Michael B. White, Anthony Wigram.

La mostra, che sarà inaugurata domenica 12 agosto, alle ore 19, prevede per il giorno 14 un incontro per ricordare Edward Lear, il grande descrittore dell’Italia e dell’Abruzzo in particolare (è transitato anche per Casoli), di cui quest’anno ricorre il bicentenario della nascita e il giorno 15 la presentazione dell’edizione italiana del libro di Denis Forman “Wigforce Story”.

Il libro sarà presentato nel Palazzo Ducale che fu sede del comando inglese nel periodo 1943/44 ed in particolare nella sala della mostra che è stata recentemente dedicata all’eroico maggiore inglese Lionel Wigram, in occasione della visita dei figli dell’ufficiale che recitò un ruolo significativo nella nascita della Brigata Maiella.

In quell’occasione il figlio Anthony, particolarmente colpito dall’accoglienza ricevuta, decise di partecipare alla mostra con due opere astratte.

L’ingresso alla mostra è gratuito. L’orario di apertura 18.30 – 22.00.

La mostra si avvale del patrocinio del Comune di Casoli ed è promossa in collaborazione con la rivista D’ABRUZZO, da venticinque anni attenta ai valori dell’ambiente, del paesaggio e della cultura regionale.

La mostra costituisce un’ulteriore occasione di riflessione sul valore del paesaggio, che in passato ispirò numerosi artisti e viaggiatori del Grand Tour, soprattutto rispetto all’intervento dell’uomo.

Vedi anche: Casoli Story

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna