SOS Beni Culturali Senza Santi (in paradiso)

di Nino Spirlì*

Sono seimila e più, le anime perse fra i Comuni d’Italia.

Alfredo ConsilvioSi parte per poter ritornare

L’emigrazione a 20 anni, il ristorante, poi la pensione nel paese d’origine

di Mauro Pianta*

Le mani in tasca, il ciuffo spavaldo, l’aria di chi è pronto a guadagnarsi il futuro.

Passeggiate romane, il centro dell’urbe

di Emanuela Medoro

“Ibam forte Via Sacra…”, si traduceva dal latino nel liceo classico.

Calpestare ancora oggi millenari massi lisci, poter vedere solide mura di mattoni ancora in piedi, è una emozione carica di ricordi ed esperienze, ritornano alla mente volti e parole.

Suor Carolina, l’eredità di don Puglisi e il sorriso della speranza

di Domenico Logozzo

In prima linea, nei luoghi dove c’è il disagio sociale.

Da Brancaccio alla Locride.

Il luogo della memoria dell’Aquila

di Elisabetta Mancinelli       email    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

In tanti il giorno prima il 6 aprile 2009 la domenica delle Palme avevano stretto tra le mani un ramoscello d’ulivo augurandosi un domani diverso da quello che poche ore dopo la notte aveva portato.