Pin It

Ciao mammaCiao mamma

Lilla Perelli, sarta, nasce il 6 giugno 1910 a Civitaretenga, e muore all'Aquila il 23 settembre 1990.

Trascorre tutta la sua vita cucendo vestiti.

Nel suo laboratorio da sarta regna sempre il caos più assoluto, portando avanti contemporaneamente numerosi lavori di cucito.

Durante una visita, suo nipote Maurizio nota delle forbici per terra.

Le raccoglie ma non sa proprio dove appoggiarle, lo chiede alla zia che gli risponde candidamente "rmittl nterr" (rimettile per terra).

In un giorno di pioggia, suo figlio ne guardava la caduta dicendo: caspita quanta acqua viene giù.

E lei, senza alzare lo sguardo dal suo cucito, in perfetto dialetto: ccù t lamint affà, nnì ddù mettl? (perchè ti lamenti, non hai dove metterla?).

Quando una persona a lei cara, dopo un certo periodo torna a farle visita, in meno di 50 secondi dalla tavola scompaiono tutti i lavori per far posto a cibi e bevande di ogni sorta.

Bisogna assaggiare e mangiare ogni cosa, tanto lei non è mai soddisfatta………

Se si lascia una porzione dentro la teglia, la sua considerazione è: di sicuro non ti è piaciuto.

Se invece si finisce ogni cosa, dice che il cibo non è stato sufficiente!

Vedi anche: Via Roma all'Aquila

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna