Il suicidio politico

di Cristofaro Sola*

Una leggenda metropolitana vuole che, alle elezioni amministrative, i ballottaggi siano la bestia nera del centrodestra.

Speranze e perplessità

di Pietro Di Muccio de Quattro*

Che i cinque referendum sulla giustizia non siano stati un successo per i proponenti, è chiaro.

Ma davvero possiamo dire, come pure è stato autorevolmente affermato, che il grande sconfitto del 12 giugno 2022 sia l’istituto stesso del referendum?

Pagliacciata tocca il nostro sistema costituzionale e politico

di Pietro Di Muccio de Quattro*

Abbiamo assistito ieri ad una disgustosa pagliacciata, salvo il voto del Senato che appoggia Mario Draghi. Voto che per fortuna rafforza la determinazione del Governo a battersi a fianco dell’Ucraina aggredita dai Russi.

“Così ci biodegradiamo in tempi record”

di Claudio Romiti

La manfrina dei grillini, che si battono per una chimerica escalation diplomatica al posto del nostro modesto invio di armi all’Ucraina (attualmente ne abbiamo mandate meno della Lituania), rappresenta l’ultima pagliacciata di un partito che le sta provando tutte per recuperare un consenso oramai irrimediabilmente perduto, a causa della sua manifesta incapacità politica.

Gli incompetenti e gli improvvisatori al potere sono la negazione della vera democrazia

di Pietro Di Muccio de Quattro*

La fenomenologia del grillismo contempla l’ascesa e caduta del primo capo politico apparente, Luigi Di Maio, un disoccupato a cui la democrazia, più efficiente del miglior navigator, ha saputo attribuire il reddito di cittadinanza e l’impiego precario ma generoso rispetto al profilo lavorativo, e l’ascesa dell’avvocato Giuseppe Conte, secondo capo politico apparente, che cerca di darsi la veste di leader con il pensiero alle prossime elezioni.