Bisogna cambiare direzione

di Francesca Romana Fantetti*

Bisogna prendere atto che lo Stato italiano è diventato una burocrazia autoreferenziale, invasiva e di ostacolo alla libertà e all’iniziativa economica e sociale di noi individui.

Elemosina, niente armi e accoglienza minima

di Gian Micalessin*

Il premier canta vittoria, ma il vertice europeo è stato una vera disfatta.

Angela Merkel, David Cameron Francois Hollande e gli altri colleghi europei si son fatti beffe di lui. E dell'Italia. Ma Matteo Renzi non può ammetterlo.

Con Renzi in campo non può esserci partita

di Alessandro Sallusti*

Qualche italiano Renzi ancora lo può stupire con battute (peraltro scritte da altri) ed effetti speciali in tv di fronte a conduttori per lo più compiacenti. Ma quando mette piede fuori dall'Italia, la musica cambia.

George Bush JuniorIl Gop, preso a modello dal Cav, che ha saputo rifondarsi dopo due sconfitte

di Giuseppe De Bellis*

Liberalismo e deregulation: pochi punti per unire le anime del movimento.

Bisogna tornare indietro di cinque decenni e mezzo. Al 1960. Perché è lì che è cominciato il partito repubblicano americano di oggi.

A Istanbul, sarà ricordata la tragedia delle vittime armene

di Stefano Magni*

Chi ha paura del genocidio armeno? Tanti, troppi. Oggi, venerdì 24 aprile, ricorre il centenario di quello che fu il primo genocidio del Novecento.