Pin It

Comune che vai divieto che trovi

di Angelo Scarano*

Come ogni anno, i comuni si sbizzarriscono a sciorinare nuovi regolamenti e nuovi divieti.

Città che vai, ordinanza che trovi. Come ogni anno, in estate, i comuni si sbizzarriscono a sciorinare nuovi regolamenti e nuovi divieti con relative sanzioni.

Dai provvedimenti anti-alcol al divieto di fumo in spiaggia, dalle ordinanze che impongono di non sputare fino a quelle che vietano di assumere comportamenti lesivi del decoro.

Qualche esempio? A Roma, come scrive Italia Oggi, fino al 31 ottobre sarà vietato, dalle 24 alle 7, consumare alcolici nelle strade pubbliche o aperte al transito pubblico.

Con sanzioni di 280 euro per gli esercenti e di 150 euro per i consumatori.

A Bologna il comune ha preparato una nuova ordinanza anti-alcol che impone la chiusura degli alimentari e dei laboratori artigianali (pizzerie da asporto, gelaterie e "kebabbari") dalle 21 alle 7 per il periodo che va fino al prossimo 15 ottobre.

A Lucca è vietato assumere comportamenti lesivi del decoro, come abbandonare rifiuti, fare schiamazzi, imbrattare monumenti e spazi pubblici.

A Pescopagano, comune in provincia di Potenza, non si può giocare col pallone nella villa comunale e non si può passeggiare in bicicletta.

Ad Afragola è proibito, fino al 14 settembre, introdurre fiori freschi al cimitero. Motivo? Rilascerebbero maleodoranti esalazioni.

In Alto Garda, fino al 30 settembre, tutta la fascia lago rivana sarà interdetta ai cani a qualsiasi ora del giorno e della notte.

*www.ilgiornale.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna