Pin It

Di Maio lascia tra i veleni, il becchino è Crimi

di Alessandro Sallusti*

E il Pd è già pronto a mangiarsi i grillini.

Berlusconi a Bologna: da qui il cambiamento

Che Di Maio da oggi non sia più il capo dei Cinque Stelle è un problema – o una liberazione – che riguarda i grillini.

Il nostro problema è che il ragazzo continua a essere il ministro degli Esteri della Repubblica, per di più in un momento come questo, nonostante le sue comprovata fragilità e incapacità che ne fanno il titolare della Farnesina più inadeguato di sempre.

Il problema, per noi, è che i Cinque Stelle – Di Maio o non Di Maio – continuino a governare il nostro Paese dopo tutti i disastri che hanno combinato e nonostante l’evidente stato confusionale in cui si trovano.

Purtroppo oggi l’Italia è come un pullman che viaggia su una tangenziale trafficata guidato da un autista neopatentato e per di più ubriaco.

Di Maio – ma non di meno il successore Vito Crimi, un altro fenomeno ex cancelliere poco apprezzato al tribunale di Brescia -, è l’emblema della fragilità del nuovo che avanza, grillini o sardine che siano.

In pochi mesi Di Maio ha dissipato un enorme patrimonio di fiducia evidentemente malriposta.

Sono partiti per suonarle e sono rimasti suonati, prima governando con Salvini, che gli ha sottratto con furbizia il cinquanta per cento dei voti, ora con il Pd, che li spolpa ulteriormente grazie all’aiuto malcelato di quel furbone di Giuseppe Conte che in faccia ti sorride e alle spalle ti pugnala.

Con il senno di poi Di Maio avrebbe fatto meglio a stringere da subito un patto con Silvio Berlusconi, l’unico leader che – essendo un vero liberale - gli alleati li ha sempre rispettati, foraggiati e fatti crescere (con lui persino Fini e Casini sono usciti dal ghetto e accarezzato l’idea di essere statisti).

E non è una battuta.

C’è stato un momento – ne sono testimone – prima che i Cinque Stelle gettassero la maschera mostrando il loro volto illiberale – che il Cavaliere era se non affascinato quantomeno molto interessato a questi ragazzotti dalle belle speranze, che tanto piacevano alla gente che piace.

Altri tempi.

Oggi i Cinque Stelle sono tecnicamente finiti, nella migliore delle ipotesi, con la regia di Beppe Grillo, per sopravvivere diventeranno una costola del tanto da loro odiato Pd.

È la fine che si fa quando l’ambizione è superiore alle qualità, l’arroganza al buon senso.

Adesso Di Maio piagnucola e dà la colpa ai traditori opportunisti del «sogno di Casaleggio».

Ma le sue sono lacrime di coccodrillo.

*www.ilgiornale,it

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna