Pin It

Nessuna catena è più resistente del suo anello più debole

di Alessandro Sallusti*

Il tentativo di evitare la diffusione del Coronavirus in Italia naufraga così sulla fragilità delle tutele prese nei confronti di chi non era stato personalmente nel cratere cinese o direttamente e consapevolmente a contatto con qualcuno, cinese o no, ad alto rischio.

Un granello ha vanificato quella che sembrava essere una muraglia insormontabile, come il blocco dei voli da e per la Cina, i meticolosi controlli sanitari in porti e aeroporti, l'autoquarantena messa in atto dalle comunità cinesi sparse per l'Italia.

Il paziente zero dell'epidemia che sta paralizzando - per ora - un pezzo di Lombardia è probabilmente un italiano di ritorno, chissà in che modo, dalla Cina e sfuggito, chissà come, alla rete di protezione.

Se così fosse - ma è ancora tutto da chiarire - l'irresponsabile sarebbe lui, non il sistema di protezione messo in atto dal governo.

Semmai quello che sta succedendo è la prova che chi, come noi, invocava più cautela e auto prevenzione, tipo tenere lontani da scuola per il tempo della quarantena i bambini e i ragazzi rientrati dalla Cina, non era un pericoloso razzista.

Così come chi oggi chiede di bloccare con qualsiasi mezzo gli sbarchi dall'Africa - altro continente in cui si registrano i primi contagi - non è insensibile, ma saggio.

Abbiamo visto in Lombardia come un solo portatore della malattia sia in grado di contaminare velocemente decine di persone; le quali contageranno altri a ritmo esponenziale, se non si interviene in tempo.

Ogni smagliatura nella rete di protezione è quindi una potenziale slavina.

E se anche un solo rivolo di questa slavina finisce in una metropoli, allora sì che sono guai seri, perché un conto è sigillare, bonificare e assistere cittadini malati e sani di un paese come Codogno - undicimila abitanti - altro è fare la stessa cosa a Milano, Roma o Napoli.

Siamo sicuri che la Regione Lombardia farà tutto il possibile per arginare la falla in fretta e bene, ma per favore ora basta con le stupide manifestazioni di solidarietà delle amministrazioni di sinistra con le comunità cinesi e con i soggetti a rischio che non fanno che aumentare il pericolo di contagio.

Anche questo tipo di antirazzismo può fare più danni del razzismo.

*www.ilgiornale.it

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna