Pin It

Solo i giornali salveranno la libertà di parola

di Francesco Maria Del Vigo*

Ormai è una gara a chi censura di più.

Una gara, per il dibattito pubblico, drammaticamente al ribasso.

Centocinquanta aziende - tra le quali Coca Cola e Adidas, giusto per rendere la portata dell'evento - hanno deciso di sospendere gli investimenti pubblicitari su Facebook e Twitter.

Il motivo è tanto semplice quanto fumoso: fermare la diffusione dell'odio in rete.

E, secondo le occhiute guardie di frontiera del politicamente corretto, il principale veicolo dell'odio sarebbero proprio i social network.

Il problema è che nessuno sa bene dove inizi e dove finisca questo benedetto confine e, sempre più spesso, le opinioni fuori dal mainstream vengono derubricate come «incitazione all'odio» e, di fatto, squalificate dall'agorà digitale.

In queste pagine, più di una volta, abbiamo denunciato l'eccesso di zelo da parte dei colossi statunitensi nel censurare e perfino chiudere i profili «controcorrente».

Ora ci troviamo a trattare Facebook come un baluardo di libertà: uno scherzo del destino che è anche una nitida istantanea di come si stia espandendo velocemente il morbo del politicamente corretto e di quanto si stia comprimendo sempre più lo spazio della libertà di espressione. Possiamo lasciare decidere cosa può o non può avere libera circolazione intellettuale a multinazionali come Starbucks o Coca Cola?

No ma, parimenti, non possiamo lasciare questo potere neppure a Facebook.

Secondo il Financial Times, Facebook e Twitter rischiano di perdere il 90 per cento dei loro introiti pubblicitari in seguito a questa mobilitazione di odiatori al rovescio.

Il pragmatismo ci porta a immaginare che Zuckerberg e Dorsey dovranno accettare, in un modo o nell'altro, il diktat di chi li copre di denaro.

E quindi il mito delle reti sociali come strumento di libertà planetaria andrà definitivamente alle ortiche.

In una imprevista eterogenesi dei fini, il massimo della volatile e virtuale modernità ci riporta alle «antiche» tradizioni.

Sì, perché se i social possono ospitare solo il coro monocorde del politicamente corretto, vorrà dire che il canto polifonico di chi ama stare fuori dal coro finirà altrove.

Prima di tutto sui giornali, on line ma soprattutto cartacei, dove il criterio di pubblicazione della notizia lo decide un direttore e non l'amministratore delegato di una ditta di bibite gassate, come sognano i palloni gonfiati del buonismo multinazionale.

I giornali di carta non possono essere «bloccati» da un algoritmo o da un motore di ricerca, li possono «bloccare» solo i loro lettori, smettendo di acquistarli.

Sono, e saranno sempre di più, una preziosa isola di libertà.

*www.ilgiornale.it

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna