Pin It

I 900 dipendenti pagati dalle agenzie private

di Lorenzo Mottola*

Per l'Europa il fallimento è diventato una prassi.

Gli Stati Uniti hanno bruciato ancora i tecnici Ue nella corsa ai vaccini, questa volta sull'autorizzazione all'uso dell'antivirus della Johnson&Johnson.

Parliamo del farmaco che tutti aspettavano, perché richiede una sola iniezione e si conserva anche a temperature normali.

Gli esperti dell'americana Food&Drug administration venerdì notte hanno dato il via libera all'impiego con procedura d'emergenza.

L'Unione temporeggia, se ne riparlerà a metà marzo.

E per lo Sputnik forse si arriverà a maggio. Come mai?

Semplice: da noi neanche esiste una procedura d'emergenza.

L'Agenzia Europea del Farmaco, l'Ema, non lo prevede.

Il ritardo è la regola, non l'eccezione.

Così in pratica stiamo ripetendo gli errori dei mesi scorsi, quando Stati Uniti e Regno Unito ci avevano anticipato di settimane sui permessi per i prodotti di Pfizer, Moderna e AstraZeneca.

Le conseguenze si notano scrutando la classifica dei Paesi con più immunizzati, dove continuiamo a precipitare tallonati da nazioni del terzo mondo.

La Johnson&Johnson ieri ha ringraziato la Casa Bianca e annunciato che spedirà i primi 20 milioni di fiale direttamente negli Usa.

Noi attendiamo e ora ci toccherà andare a contrattare nella speranza che non si verifichino nuovi tagli alle quote che teoricamente spettano all'Europa.

«Questa volta l'Ue non mandi un tirchio a trattare, quei vaccini ci servono», ha twittato Roberto Burioni. Bisognerà capire se non è già troppo tardi.

Dietro a queste scelte sui medicinali c'è ovviamente la politica.

Jens Spahn, ministro federale alla Sanità del governo Merkel, già a dicembre aveva provato a mettere fretta alla commissione Ue, chiedendo di spiegare come mai i nostri tecnici non siano in grado di effettuare le analisi sui vaccini negli stessi tempi degli scienziati americani e inglesi.

Ursula Von der Leyen aveva spiegato di voler agire con prudenza, di non voler lasciare argomenti ai no-vax conducendo tutto nella massima trasparenza.

Ma davvero l'Ema dà queste garanzie di efficienza?

In realtà si direbbe di no.

Come raccontava Mario Giordano in uno suo libro-inchiesta (Sciacalli, virus, salute e soldi; Mondadori) il budget dell'agenzia, su un totale di 358 milioni di euro, è coperto per 307 milioni (84%) da contributi delle case farmaceutiche e appena per 51 milioni da fondi dell'Unione europea.

Insomma, a pagare i funzionari predisposti ai controlli sui farmaci (un carrozzone composto da 897 dipendenti e 36 amministratori) sono proprio le persone che questi dovrebbero controllare.

Il risultato non può che essere patetico.

Viste le cifre pagate, ovviamente le aziende hanno diritto a inviare alle riunioni dell'Ema un proprio avvocato.

La legge prevede che le valutazioni sui nuovi prodotti debbano basarsi su tre parametri: sicurezza, efficacia, qualità.

E su questo non ci sono dubbi.

Il problema riguarda i doppioni.

Se un farmaco è identico a uno già in commercio ha senso metterlo in commercio?

Non chiedetelo all'Ema.

Sempre Giordano aveva intervistato un ex membro dell'agenzia, che raccontava: «Alzavo la mano e chiedevo: siamo sicuri che questo nuovo farmaco sia necessario?

Aggiunge qualcosa di nuovo? Cura meglio degli altri?

Ogni volta l'avvocato delle aziende farmaceutiche, sempre presente alle sedute, mi bloccava: la legge non prevede questa valutazione».

L'aveva sempre vinta.

Tornando ai vaccini, oltre al Johnson&Johnson (che garantisce un'efficacia del 76% e una copertura completa per i casi più gravi) ora si porrà nuovamente il tema dello Sputnik.

Qualche settimana fa l'Europa aveva accelerato sull'autorizzazione ma ora (dopo l'intervento di Biden) è arrivata una brusca frenata.

Marco Cavaleri, responsabile vaccini dell'Ema, ha spiegato ieri che «il sito di produzione è extra europeo, dovremo verificare quindi che il vaccino venga prodotto secondo i nostri standard e a quel punto potremmo essere in grado di concludere, può anche essere ad aprile o maggio».

Con tutta calma.

L'Italia, tuttavia, ha un'alternativa: muoversi autonomamente e approvare l'utilizzo dell'antivirus russo tramite l'Aifa, agenzia italiana del farmaco.

Il che ovviamente rappresenterebbe una sberla fenomenale alle istituzioni Ue.

D'altra parte una cosa a questo punto è chiara: a livello d'immagine l'Unione difficilmente si riprenderà dopo quanto successo in questa pandemia: «La gestione di tutta questa partita», dice l'eurodeputato Fdi Carlo Fidanza, «è stata fallimentare, Ursula Von der Leyen ha giocato la partita politica della vita e l'ha persa tra ritardi nelle autorizzazioni e contratti scritti male.

Una débâcle».

*www.liberoquotidiano.it

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna