Dici “opera” e pensi all'Italia.

Non solo perché a Milano c'è, dal 1778, il Teatro alla Scala, universalmente noto come “tempio della lirica”, ma perché il teatro musicale è una creazione culturale profondamente italiana.

SE ME CAPISSI

Versi di Augusto BARSOTTI

Musica di Camillo BERARDI

Amuri grandi

 Amore grande

Versi di Domenico Caruso
Musica di Camillo Berardi

Versi di Domenico Caruso
Musica di Camillo Berardi

 

Traduzione  in lingua

Strofa:

Ti vitti, bella mia, chi ricamavi,

’na rosa a lu tilaru tu facivi;

mu ti rimiru già jeu lu pensavi

e no’ jizasti l’occhj ’u

mi ricivi.

Tramenti tu cusivi ti fermai

e ’ndi guardammu comu tu lu sai.

 

Strofa:

T'ho vista, bella mia, che ricamavi

ed al telaio una rosa facevi;

ad ammirarti già lo pensavo

e non hai sollevato lo sguardo per ricevermi.

Nel mentre tu cucivi ti ho fermata

e ci siamo guardati come ben sai.

 

Ritornello:

Amuri grandi, jeu non haju paci,

mi manca ’a lena cu’ parenti e

amici:

’stu matrimoni, ’u sai,’ndavi ’u

si faci,

bella pe’ mmia to’ mamma ti fici.

Ritornello:

Amore grande, io non ho più pace,

mi manca la forza, come parenti e amici:

questo matrimonio, sappilo, si ha da fare,

tua madre ti ha procreato bella per me.

Strofa:

Giojuzza, veni a mia, veni accoglienti

e no' mi fari cchjù tantu peniari;

li toi sarannu puru assai cuntenti

mu vidinu ca 'ndi volimu amari.

Lu sali cu' la luna ora s'uniru

e nu'tiramu forti 'nu suspiru.

Strofa:

Vieni, gioia mia, vieni accogliente

e non mi fare tanto soffrire;

i tuoi saranno pure molto contenti

nel vedere che ci vogliamo bene.

Il sole con la luna si sono uniti

e noi tiriamo un forte sospiro.

Finale:

Amuri meu grandi, jeu non haju cchjù paci!

Finale:

Amore mio grande, io non ho più

pace!

Visualizza
LO spartitO

ASCOLTA LA MUSICA COMPOSTA DAL m° AQUILANO cAMILLO BERARDI {play}images/stories/mp3/AMURI.mp3{/play}

La superba montagna dell’Etna, pervasa di arcana e sensuale magia, si staglia maestosa nel cielo, esercitando sempre un fascino straordinario e coinvolgente.

La lingua di fuoco che sgorga dalla sua bocca ardente, custodita gelosamente dal gelo dei ghiacci sommitali, rappresenta la metafora  della passione amorosa, inalienabile espressione della natura che con i suoi risvegli, di speranza invasa,  prosegue  il suo cammino di vita.

SE TU SAPESSI

 

Versi di Augusto BARSOTTI

Musica di Camillo BERARDI