Pin It

Mattinata

Nella vita avventurosa di Gabriele D’Annunzio, priva di complessi e inibizioni, non sono mancati momenti di spiritualità e la toccante poesia “Mattinata” ne è un chiaro esempio.

La musica composta da Camillo Berardi e il video realizzato con le suggestive foto di Luciano Dionisi, sposano coerentemente la dolcezza di questo toccante componimento che manifesta patentemente la straordinaria ricchezza interiore del grande poeta abruzzese.

Mattinata

Versi di Gabriele D'Annunzio

Musica del compositore aquilano Camillo BERARDI

Foto e video di Luciano Dionisi

Spandono le campane

a la prim'alba l'Ave.

Spandono questa mane

un suon grave e soave

le campane lontane.

Nivea come neve

la nebbia copre il mare.

Fluttua lieve lieve:

è rosea, scompare.

Bocca d'oro la beve.

E neve e rose ed oro

il mattin fresco mesce.

Un alto inno sonoro

fanno, come il dì cresce,

onde e campane in coro.

Salve, Janua coeli!

Co 'l dì la nostra Bella

fuor de' sogni e de' veli

balza. Ave maris stella!

Salve, Regina coeli!

Visualizza il video

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna