Pin It

Regode la montagna Regode la montagna

In questo canto aquilano, la magnificenza della montagna viene descritta nella magia dell’alba che culmina con l’aurora in un tripudio di colori. Spunta, poi, il sole e la montagna meravigliosa si raffiata e gode del suo caloroso abbraccio.

Tutto s’illumina d’immenso, la natura di tinge d’incanto e una preghiera s’innalza verso l'azzurro del cielo, come un sospiro d’amore.
Questo è il tema del canto “Regode la montagna” con musica di Camillo Berardi e versi di Bice Solfaroli Camillocci, eseguito dalla “Corale Fonte Vetica” di Castel del Monte (AQ).

 

Regode la montagna

Musica di Camillo BERARDI

Versi di Bice Solfaroli CAMILLOCCI

 

‘Nturnu la notte se sta a rallenta’

‘na farge  ‘e luna renaviga.

L’aria de bottu cchiù chiara se fa

lo rosa qua e llĂ .

 

Spunta lu sole

le nuvole so’ veli.

‘n po’ timorusu

l’auscellu sta a chicchja’.

Esce lu sole

regode la montagna

‘entru   ‘n’abbracciu

che la fa raffiata’.

 

Sta’ rencantata, te senti  ‘e trema’,

l’occhiu rabbraccia  ‘sse cime e…  va,

mille cannele se stau a rappiccia’

lo ruscju qua e llĂ .

 

Bacia lu sole

pure  ‘nu filu d’erba

lu fiatu callu

la bbrina fa squajia’.

Salle lu sole

refissa lu turchinu

e  ‘n’orazzione

come  ‘n  sospiru va.
 Regode la montagna
 Visualizza il video

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna