Luigi Di MaioIl meglio del peggio della lingua italiana

di Gianni Carotenuto*

Negli anni, il leader del Movimento 5 Stelle ha dato sfoggio ad alcune perle indimenticabili.

Tra congiuntivi sbagliati, latinismi usati a caso ed errori geografici, una breve rassegna del meglio del peggio uscito dalla bocca di Di Maio.

La giornalista Barra bocciata in italiano

La giornalista alla fine fa il refuso. E che refuso.

Sul proprio manifesto elettorale, Francesca Barra, uno dei volti nuovi tra le candidature del Pd, fortemente voluta in lista dal segretario Matteo Renzi, inciampa sugli apostrofi.

Non parla italiano

di Francesco Maria Del Vigo*

Non ho grandi pretese. Non mi pare una richiesta esagerata.

Ma le rivoluzioni si fanno un po’ per volta, anche con piccoli gesti.

Grandi aspettative e grandi flop

La storia del cinema insegna che a un grande successo può seguire un grande tonfo.

The Lone Ranger e Un weekend da bamboccioni 2, per esempio, sono i favoriti per la peggior pellicola dell'anno ai Razzie Awards, che si celebrano come di consueto un giorno prima degli Oscar e che al contrario delle ambite statuette d'oro premiano i film più brutti dell'anno.

I fini dicitori

Questa mattina, 7 maggio 2013, il premier Enrico Letta ha convocato una riunione.

Il messaggio recitava così: "Domenica e lunedì 24 ore di ritiro,in un'abazia in Toscana,solo i ministri.Per programmare,conoscersi,"fare spogliatoio".Ognuno paga per se".

Poche e semplici parole. Niente di strano, dunque, se non fosse per un paio di errori ortografici e grammaticali e la quasi inesistenza degli spazi nel testo.

Leggi tutto...