Pin It

Monsignor Domenico Marinangeli, arcivescovo cattolico, nasce il 4 agosto 1831 a Rocca di Cambio, e muore all'Aquila l’8 marzo 1921.

Domenico Marinangeli nacque da Carmine e Rachele Tomassi, membri di una famiglia distinta, agiata e profondamente cristiana, cardine che fu alla base della sua vocazione sacerdotale.

Iniziò i propri studi nel paese natale ed il suo primo educatore fu lo zio Eusanio Marinangeli, abate-parroco di Rocca di Cambio.

Successivamente, frequentò il collegio di San Francesco dei gesuiti dell'Aquila ove compì studi di letteratura e filosofia, trasferendosi quindi a Roma ove ottenne la laurea in utroque iure.

Ordinato sacerdote, fece ritorno all'Aquila ove venne richiamato dal vescovo di quella città come insegnante presso il medesimo seminario ove aveva studiato.

Distintosi per eloquenza ed ingegno, venne promosso "motu proprio" da Leone XIII nel marzo 1882alla sede episcopale di Foggia.

Il 1º luglio 1893 venne nominato arcivescovo e trasferito alla sede di Trani, Barletta e Bisceglie.

Nel 1898 venne chiamato a Roma ed elevato alla dignità di patriarca di Alessandria d'Egitto.

Morì all'Aquila l'8 marzo 1921, nel palazzo di Via Cimino.

Le esequie furono celebrate nella cattedrale cittadina e l'elogio funebre venne tenuto da Monsignor Pietropaoli.

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna