Pin It

Antonio con Paolina e l'ultimo natoAntonio Vespa (negli Stati Uniti diverrĂ  Vespo) nasce il 4 maggio a Castiglione a Casauria, in contrada Madonna della Croce, da Saverio e Crocifissa Vespa.

Un matrimonio abruzzese per procura.

di Geremia Mancini

La sua nascita fu certificata in comune alla presenza di Leonardo Schiera, delegato del Sindaco, dai due testimoni Giovanni Croce e Cesidio Di Battista (Guardia Municipale).

La famiglia di Antonio era di umili origini contadine.

Nel 1898 Antonio sposò Paolina Di Donato di Tocca da Casauria.

Successivamente nel 1905, in cerca di fortuna, gli sposi lasciarono il duro lavoro della campagna per emigrare, insieme ai due figli, verso gli Stati Uniti.

Erano tra i 1854 viaggiatori, di terza classe, della ”Prinzess Irene”.

I due si stabilirono ad Indianapolis nello Stato dell’Indiana.

Antonio inizialmente trovò lavoro in un mercato di verdure, poi ha lavorò con la “Big Four Rairoad” e infine riuscì ad aprire un proprio negozio nel mercato della città.

Nel 1915 Antonio e Paolina, che avevano avuto altri cinque figli, si è trasferirono al 624 East Georgia Street dove avviarono un negozio di rettifica, affilatura di coltelli e lame da taglio.

Nel 1919 Paolina morì improvvisamente.

Allora Antonio scrisse ad una famiglia di Sulmona chiedendo la mano della loro figlia Antonette Christillini (Antonietta Cristallini) in matrimonio.

La famiglia e la ragazza, pur non conoscendolo, ma fidandosi delle referenze e delle informazioni dei Carabinieri (“E’ un onesto e bravo lavoratore”) accettarono.

Così dopo un breve periodo trascorso a Castiglione a Casauria Antonietta nel 1920 partì, a bordo della nave “Patria”, destinazione Indianapolis.

Dopo poco piĂą di un anno Antonietta diede alla luce una bambina.

Questo non le impedì di essere brava madre anche dei figli che Antonio aveva avuto dal precedente matrimonio.

Per tutti fu “Mamma Antonietta”. Nel 1952 Antonio morì.

Ma la numerosissima famiglia Vespo (Vespa) oramai era radicata definitivamente negli Stati Uniti d’America.

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna