Pin It

Domenico SusiDomenico Susi, politico, nasce il 4 aprile 1940 a Introdacqua, e muore a Sulmona il 19 dicembre 2004.

Leader della politica abruzzese e nazionale per 40 anni, avendo percorso tutte le tappe della carriera politica ed amministrativa.

Riformista e siloniano, a 17 anni si iscrisse al P.S.I.; fu segretario della sezione di Sulmona (1959-1965); segretario provinciale (1965-1970) e regionale del P.S.I. abruzzese (1976-1979); membro del Comitato centrale e dell'Assemblea nazionale dal 1975 fino al 1993.

Inizia l'attività amministrativa nel 1964 quando viene eletto sindaco del suo paese natale, rimane in carica fino al 1970, anno in cui viene eletto consigliere regionale.

Tra i padri della Costituente della Regione Abruzzo (1970) fu eletto per la prima volta alla Camera nel 1979 (VIII legislatura) è riconfermato anche nella IX, X, e XI legislatura

Fu sottosegretario di Stato alle Finanze per 9 anni nei Governi Craxi I e II, Goria, De Mita e Andreotti VI e VII, un vero record di permanenza; ma nonostante la competenza di tecnico fu scelto sempre in quanto deputato alla Camera dove fu eletto con record di preferenze per 4 legislature consecutive.

Nella sua attività governativa firmò 48 Convenzioni bilaterali con Paesi stranieri, si interessò di provvedimenti a favore dello stato sociale; si occupò della riforma organica delle Esattorie (1989), passate dalla proprietà di esattori privati a società bancarie pure o con privati su base provinciale (i Concessionari della Riscossione, progetto su cui poi si è fondata la riforma del 2006 che ha portato alla holding nazionale Equitalia).

Riorganizzò Lotto e Lotterie e i Servizi ispettivi del fisco; promosse la creazione di edilizia e infrastrutture pubbliche: tra queste la caserma della Guardia di Finanza a Coppito che ospita la Scuola Ispettori e Sovrintendenti, uno dei pochi edifici uscito quasi indenne dal terremoto dell'Aquila del 6 aprile 2009 e dove è stato programmato il vertice G8 dell'8 luglio 2009.

Dopo la diaspora socialista aderisce allo SDI in cui lavorò a lungo per il ricongiungimento delle diverse anime socialiste, originatesi dallo scioglimento del P.S.I.; ne ricoprì la carica di Responsabile nazionale agli Enti locali.

A ottobre 2004 promuove l'"Associazione per il Rinnovamento Abruzzo" in cui riannodò i fili con compagni ed elettori socialisti.

Poco prima della sua scomparsa il riavvicinamento ufficiale al centro-sinistra e la proposta dell'Udeur di candidatura alle elezioni regionali del 2005

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna