Pin It

Marino Turchi, patriota, scienziato, filantropo, nasce il 31 maggio 1808 a Gessopalena, e muore a Napoli il 3 marzo 1890

Fu medico igienista di fama.

Il 18 aprile 1848 venne eletto deputato liberale dell'Abruzzo Citra al Parlamento delle Province Napoletane.

Fu uno dei deputati firmatari della protesta contro Ferdinando II, che, dopo aver concesso la costituzione, aveva ordinato la sospensione del Parlamento appena eletto.

Per le sue idee politiche fu vittima di persecuzioni da parte del governo borbonico.

Nel 1860, con l'ingresso in Napoli di Garibaldi, divenne uno fra i 30 decurioni della città. Garibaldi stesso lo nominò professore di Igiene all'Università.

Dall 1861 fu membro, insieme a Salvatore De Renzi della Commissione municipale d'igiene di Napoli e propugnò tutte le iniziative umanitarie per migliorare le condizioni di vita del popolo napoletano in miseria.

A tal fine fondò l'Associazione Filantropica Napoletana, di cui fu anche presidente, che affrontò il problema dell'insalubrità delle industrie e delle abitazioni a Napoli.

Si impegnò come scienziato e filantropo a redigere progetti per la costruzione di case salubri, per migliorare le condizioni igieniche della Città, per far varare provvedimenti di bonifica.

Fu Preside della Facoltà medico-chirurgica e dal 1879 al 1881 fu Rettore dell'Università di Napoli.

Tra le sue pubblicazioni sono da citare i trattati “Igiene pubblica a Napoli” (1861-1862), “Italia igienica” (1877) e “Elementi di igiene” (1883-88).

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna