Pin It

Carlo Alleva, pittore, nasce il 5 settembre 1932 a Lacedonia, in provincia di Avellino, e muore ad Avellino ikl 9 gennaio 1993.

Figlio di Romeo, nativo di Ofena, dove gli eredi conservano tuttora la casa nel centro storico e dove vive ed esercita suo cugino, Claudio Alleva, scultore mosaicista.  

Attivo soprattutto in Italia e in Germania, dove sue opere (serie de "La via Crucis") sono conservate nello Stadtmuseum di Lindau. Con l'opera la "Notte Nuda" del 1960 fissa i canoni del Neofigurativismo, movimento del quale sarà fondatore.

Sempre negli anni sessanta incontra Emilio Notte e Domenico Purificato e partecipa alla collettiva tenutasi all'Accademia Albertina di Torino.

Nel giugno 2004, dopo la sua scomparsa, gli è stata dedicata una retrospettiva antologica presso il Complesso Monumentale ex Carcere Borbonico di Avellino, con il patrocinio della Soprintendenza per i BAPPSAD (Beni Architettonici e per il Paesaggio, per il Patrimonio Storico, Artistico e Demoetnoantropologico) delle province di Avellino e Salerno, della Provincia di Avellino, del Comune di Avellino e della Fondazione Alleva.

  • Alla fine degli anni sessanta, il suo periodo artisticamente pi√Ļ fecondo, sar√† nominato membro dell'Accademia di San Luca di Roma, dell'Accademia dei Cinquecento, della Burckhardt Akademie, dell'Accademia Tiberina, dell'Accademia di Montecatini, cittadino onorario di Tortoreto e Presidente dell'Unione Artisti Europei.
  • La sua opera "Il Calvario", conservata nella Chiesa di S. Alfonso Maria de' Liguori di Avellino insieme alla "Nativit√† di Cristo", sar√† premiata al Primo Premio Internazionale "Grandi Composizioni" a Roma.
  • Nel 1982 gli viene conferito a Bologna il titolo di Accademico d'Onore a Vita dell'Accademia di Lettere, Arti e Scienze.

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna