Pin It

Gesualdo Fuina, ceramista, nasce il 19 aprile 1755 a Castelli, dove muore nel 1822.

IL ceramista Gesualdo Francesco Saverio Fuina apparteneva ad una dinastia di maiolicari di Castelli ed è considerato l'ultimo dei grandi della ceramica castellana.

Sposò Maria Donata de Petris, figlia del notaio Pietro Valentino e di Anastasia Stella.

Dei suoi sette figli, Emidio e Amato assicureranno la discendenza, andrà tuttavia perduta l'attività artistica della bottega di ceramica della famiglia.

Era figlio di Nicola Amato (1721-1796) e di Palma d'Annunzio.

Nella sua bottega da ceramista - censita al Catasto di Castelli dal 1743 - suo padre eseguiva manufatti di uso comune, per la cucina, per la tavola e per il governo degli animali.

Accortosi delle tendenze artistiche del figlio, dopo averlo istruito sui primi rudimenti della decorazione sulla ceramica, Nicola Amato preferì che si perfezionasse presso altri ceramisti, come Francesco Saverio Grue (1731-1800 circa), figlio di Francesco Antonio Saverio, e come Silvio De Martinis.

L'arte della ceramica castellana alla fine del XVIII secolo era entrata in crisi: il tradizionale paesaggio tardo barocco con gli ornati con putti e festoni e le scene mitologiche e bibliche non erano pi√Ļ apprezzate dalla committenza.

Il mercato preferiva il gusto - imposto della manifattura di porcellana di Capodimonte - dei servizi da tavola, delle tazzine, delle brocche e delle chicchere, con i piccoli decori a mazzetti di fiori, sul fondo bianco.

Gesualdo Fuina intu√¨ questo cambiamento e, insieme al giovane ceramista Michele De Dominicis (1781-1861), indirizz√≤ la produzione della ceramica verso pi√Ļ moderni decori, assecondando il trapasso dal tardo barocco al Settecento inoltrato e sperimentando anche nuovi colori, come il verde acceso e il rosso porpora, fino allora sconosciuti alla policromia castellana.

Orientandosi sulle nuove richieste del mercato, Gesualdo Fuina dipingeva quindi fiori e minuscole figure, su fondo bianco, a volte impreziosito con oro a terzo fuoco.

La tecnica del terzo fuoco era stata appresa da Francesco Saverio Grue a Napoli, durante la sua permanenza, prima come operaio poi come direttore, nella fabbrica di borbonica che stava imponendo al mercato la porcellana, a scapito della maiolica.

Al centro del piatto, con tocchi rapidi, Gesualdo Fuina dipingeva un mazzetto di fiori, con tulipani, rose e anemoni, e sul bordo aggiungeva altri fiori, sparsi o a mazzetti: sono noti come "fioracci" e ancora oggi sono realizzati nelle botteghe artigiane di Castelli.

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna