Pin It

Lelio LuttazziLelio Luttazzi, musicista, compositore, cantante, direttore d'orchestra, attore e presentatore televisivo, nasce il 27 aprile 1923 a Trieste dove muore l'8 luglio 2010.

Figlio Mario e di Sidonia Semani, maestra elementare a Prosecco paesino nelle vicinanze di Trieste.

La sua prima formazione musicale avviene grazie a don Crisman, il parroco di Prosecco, che gli impartisce lezioni di pianoforte.

Dopo la scuola dell'obbligo, si iscrive al Liceo Petrarca di Trieste; lì instaura una grande amicizia con un suo compagno di classe, Sergio Fonda Savio, nipote di Italo Svevo.

Studente all'Università di Trieste in giurisprudenza durante la seconda guerra mondiale, inizia a suonare il pianoforte a Radio Trieste e a comporre le sue prime canzoni.

Nel 1943 avviene l'incontro che gli cambia la vita: con alcuni suoi compagni di università si esibisce al teatro Politeama in uno spettacolo musicale, per aprire il concerto di Ernesto Bonino, cantante torinese molto noto all'epoca, che rimane colpito da Luttazzi, al punto di chiedergli, al termine dello show, di comporre una canzone per lui.

Lelio ci prova e gliela spedisce, con poca convinzione, ma nel 1944 Bonino la incide: è la celeberrima Il giovanotto matto, che diventa un grande successo.

Terminata la guerra, apprende dalla SIAE di un guadagno di 350.000 lire di allora, e decide quindi di fare il musicista; nel 1948 si trasferisce a Milano e inizia a lavorare con il concittadino Teddy Reno presso la casa discografica CGD, con l'incarico di direttore musicale; sempre per Teddy Reno nel 1948 scrive Muleta mia.

Nel 1950 a Torino assume l'incarico di direttore, dirige l'orchestra d'archi della Rai; da lì inizia una carriera strepitosa come artista a tutto tondo.

Negli anni 1954/55/56 lavora nel programma radiofonico a quiz Il motivo in maschera presentato da Mike Bongiorno.

Scrive canzoni dal carattere apertamente jazzistico e piene di swing interpretandole al pianoforte e cantandole in uno stile molto personale: tra le pi√Ļ note si ricordano canzoni come Senza cerini, Legata ad uno scoglio, Timido twist, Chiedimi tutto etc.

Compone brani come Una zebra a pois, cantata da Mina, Vecchia America per il Quartetto Cetra, Eccezionalmente, sì per Jula De Palma, You'll say to-morrow registrato in italiano da Sophia Loren, Souvenir d'Italie con la sua raffinata tecnica jazz; si lancia anche nel divertissement con El can de Trieste, da lui stesso cantata in dialetto triestino.

Il debutto televisivo di Luttazzi, come direttore d'orchestra avviene nel programma, della Rai, Musica in vacanza, del 1955, programma di varietà settimanale, insieme a Gorni Kramer e gli attori Isa Bellini, Alberto Bonucci, Paolo Ferrari, Adriana Serra.

Presenta poi trasmissioni televisive, come Studio Uno con Mina, Doppia coppia con Sylvie Vartan, Teatro 10, Ieri e oggi.√ą anche attore, in L'avventura di Michelangelo Antonioni e L'ombrellone di Dino Risi, ed in televisione in Biblioteca di Studio Uno con il Quartetto Cetra, dove recita la parte di messer Alvise Guaro nella puntata dedicata al Fornaretto di Venezia); √® inoltre compositore di colonne sonore di film tra cui Tot√≤, Peppino e la malafemmina, Tot√≤ lascia o raddoppia? e Venezia, la luna e tu.

Ma sicuramente la trasmissione che gli diede pi√Ļ notoriet√† fu la radiofonica Hit parade, la vetrina settimanale dei dischi pi√Ļ venduti, andata in onda ininterrottamente dal 1967 al 1976: all'ora di pranzo del venerd√¨ (con replica il luned√¨) il motto "Lelio Luttazzi presenta... Hit Parade!" era un appuntamento seguito da un altissimo numero di ascoltatori.

Nel giugno del 1970, proprio mentre era all'apice del successo, la vita di Luttazzi fu travolta: venne infatti arrestato con Walter Chiari e Franco Califano con l'accusa di detenzione e spaccio di stupefacenti.

L'arresto era avvenuto in seguito alla intercettazione di una telefonata tra i due.

Dopo ventisette giorni passati in carcere, venne liberato e completamente scagionato.

Nel periodo della sua detenzione, la conduzione di Hit Parade fu affidata all'ex-cantante Giancarlo Guardabassi, già presentatore della rubrica radiofonica Dischi caldi.

Una volta riabilitato, tornò a presentare Hit Parade alla radio e riprese il programma televisivo retrospettivo Ieri e oggi.

Negli anni successivi, lavorò ancora saltuariamente in televisione (nel 1982 nella trasmissione Cipria di Enzo Tortora; nel 1991 per Telemontecarlo a Festa di compleanno) prima di ritirarsi a vita privata, amareggiato dalla lapidazione mediatica cui era stato sottoposto.

Nel 2005 la RAI, per la serie di CD Via Asiago 10, contenente registrazioni storiche della Radio degli anni '50, pubblica il CD Lelio Luttazzi and Rai Orchestra 1954, registrazioni effettuate dal Maestro e trasmesse dalla radio appunto nel 1954, con brani suoi ma anche interpretazioni di Parlami d'amore Mari√Ļ di Vittorio De Sica, un omaggio a Cole Porter ed un interessantissimo duetto con Gorni Kramer.

La sera dell'8 ottobre 2006 è stato ospite d'onore della trasmissione di Fiorello Viva Radio2, che in quell'occasione andava in onda contemporaneamente sia alla radio che alla televisione.

Il 23 febbraio 2008 è stato ospite di Fabio Fazio nel programma televisivo di RAI3 Che tempo che fa; il 27 febbraio 2008 è stato nuovamente ospite nella trasmissione di Fiorello Viva Radio2.

Il 16 maggio 2008 ha partecipato al Maurizio Costanzo Show suonando "Ritorno a Trieste". Il 21 dicembre 2008 è stato nuovamente ospite di Fabio Fazio nel programma televisivo di RAI3 Che tempo che fa.

Il giorno 9 dicembre 2008 è stato ospite nella trasmissione radiofonica di Radio Rai Uno condotta da Silvia Boschero, Radio Uno Village.

Il 19 febbraio 2009 ha partecipato al Festival di Sanremo 2009 condotto da Paolo Bonolis in cui ha accompagnato Arisa, in gara per le "Nuove proposte"; dopo l'esecuzione di Sincerità Lelio Luttazzi, rimasto sul palcoscenico, ha proseguito con il brano Vecchia America al pianoforte.

All'artista il Casinò di Sanremo ha conferito il "Premio alla musica 2009", consistente in una Chiave di violino realizzata dall’artista Marco Lodola. A dicembre del 2006 è uscito il CD Per amore, pubblicato dalla Sony BMG: si tratta di un omaggio al Maestro, in cui alcuni grandi artisti interpretano le sue canzoni: particolarmente riuscite Sono tanto pigro eseguita da Greg & The Blues Willies, Giovanotto matto e Chiedimi tutto interpretate da Fiorello, Una zebra a pois cantata da Gianni Morandi, Mi piace nell'interpretazione di Mina, e Vecchia America in quella di Lucio Dalla.

√ą presente nell'album anche lo stesso Luttazzi, in duetto con Mina in Chi mai sei tu e da solo nella celebre El can de Trieste; per un errore, il brano Muleta mia √® scritto in copertina con due t (Muletta mia).

Nel maggio del 2009, dopo oltre 57 anni trascorsi tra Milano, Torino e soprattutto a Roma, dove ha abitato dal 1953, nell'ultimo periodo in una casa di Trastevere, decide di ritornare definitivamente insieme alla moglie a Trieste.

Per l'occasione il regista Pupi Avati gira un film documentario.

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna