Pin It

Thomas Ashby, archeologo, nasce il 14 ottobre 1874 a Staines, e muore durante un viaggio in treno verso Londra,  il 15 maggio 1931.

Apparteneva a una famiglia borghese del Middlesex, Thomas Ashby era figlio unico di Thomas Ashby (1851-1906), un fabbricante di birra di religione quacchera, e di Rose Emma Smith.

Dopo aver studiato dal 1887 al 1893 al Winchester College, una prestigiosa istituzione scolastica privata (public school), Ashby frequentò il Christ Church a Oxford dove si laureò nel 1897.

Dedicatosi alle studio delle antichità romane, l'anno successivo giunse a Roma con una borsa di studio per la British School at Rome, l'accademia britannica di archeologia, storia e belle arti di cui nel 1903 fu vicedirettore e nel 1906 ne assunse la direzione che mantenne fino al 1924, anno in cui abbandonò l'incarico per dedicarsi allo studio della Campagna Romana.

Ashby studiò la topografia di Roma e del Lazio, esplorò e descrisse le principali strade di Roma e dei dintorni, ricostruendone l'antico tracciato, pubblicando mappe rinascimentali, illustrando gli antichi monumenti che si incontravano nel loro percorso.

Portò a termine il dizionario topografico del Platner, incompiuto per la morte dell'autore, e lasciò manoscritta una monografia, sugli acquedotti di Roma, pubblicata postuma nel 1935. Collaborò all'Enciclopedia Britannica per la quale redasse numerose voci riguardanti la romanità.

Tornato in patria, morì durante un viaggio in treno.

Ashby fu membro di numerose prestigiose accademie: Istituto archeologico germanico (1913), Pontificia Accademia Romana d'Archeologia (1914), Accademia dei Lincei (1918), Royal Institute of British Architects (1922), Accademia di San Luca (1925), Società Romana di Storia Patria (1923) e British Academy (1927).

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna