Pin It

Maffeo Pantaleoni, economista, nasce il 2 luglio 1857 a Frascati, e muore a Milano il 29 ottobre 1924.

Professore ordinario di Economia politica alle Università di Napoli, Pavia e Roma, fu un esponente dell'economia neoclassica.

Fu anche direttore del Giornale degli economisti dal 1890 al 1924.

Occasionalmente ci si riferì a lui come il Marshall italiano per la sua accanita difesa della politica economica del laissez-faire.

Inizia la sua carriera come deputato radicale, in seguito nella sua vita, prima della prima guerra mondiale diventò un nazionalista e fu un politico anti-socialista, mantenendo stretti legami con il movimento fascista.

Fu ministro delle Finanze durante l'amministrazione del Carnaro presieduta da Gabriele D'Annunzio a Fiume, che durò quindici mesi tra il 1919 e il 1920.

Poco prima della sua morte, il 1º marzo 1923 fu eletto e nominato al Senato da Vittorio Emanuele III.

Nel 1970 è stato intitolato a suo nome l'Istituto Professionale di Stato di Frascati per i servizi commerciali e turistici.

Pantaleoni tentò di conciliare la tradizione ricardiana con il marginalismo walrasiano, spaziando dalla teoria dei prezzi a quella della tassazione, dalla teoria dei cicli economici a quella dei sindacati industriali, dalla stima della ricchezza nazionale alla storia delle dottrine economiche, con il suo libro maggiore del 1889 Principi di economia pura.

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna