Pin It

Federico Valignani, letterato, nasce nel 1700 a Chieti, e muore a Torrevecchia Teatina nel 1754.

Marchese di Cepagatti, nacque dal matrimonio di Giacomo con Porzia Capranica, nobile romana.

Si sposa in giovane età con Margherita Valignani dei baroni di Miglianico.

Dal loro matrimonio ancquero 2 figlie: Anna Ninfa, che andò in matrimonio a Don Cesare Monticelli Della Valle, Duca di Ventignano a Napoli; Olimpia che sposò Ignazio Leognani-Ferramosca duca di Alanno.

Il Valignani fu un illustre letterato nel XVIII secolo.

Durante i suoi studi a Napoli e Roma e durante le sue visite presso le corti europee, Federico ebbe modo di conoscere ed instaurare contatti con molti letterati dell’epoca (per esempio Ludovico Antonio Muratori).

Suo zio Innocenzo XIII (la nonna paterna di Federico era sorella della madre di Innocenzo XIII) lo nominò Presidente di Regia Camera di Spada e Cappa del Regno inviandolo a Napoli.

Ritornato a Chieti, nel 1720 fondò, col nome di Nivalgo Aliarteo, la Colonia ”Tegea” dell’Arcadia Romana.

Nello spirito del movimento arcadico del tempo Federico chiamò a raccolta un gruppo di aristocratici e di intellettuali della città di Chieti, creando un’attività culturale molto intensa nella comunità teatina dell’epoca.

Il Valignani si dedicò anche alla costruzione e restauro di vari edifici di famiglia, tra essi la torre di Cepagatti, il palazzo di Chieti e la villa castello di Torrevecchia Teatina.

Di particolare rilevanza è l’impostazione che egli diede alla realizzazione di quest’ultima intorno al 1743.

Essa fu progettata secondo criteri classicistici (ampio giardino, un bosco, etc.) per farne la sede ufficiale e simbolica della Colonia Tegea.

Ne è testimonianza l’iscrizione su una lapide presente al piano terra: DOMINUS FEDERICUS VALIGNANUS PATRICIUS ROMANUS AC TEATINUS MARCHIO CEPAGATTI DOMINUS TURRIS VETERIS ET CASANOVAE A PROGENITORE DROGONE EX COMITIBUS LORITELLI NORMANNIS CASTRI VALIGNANI XXI TOPARCHA HAS AEDES A FEDERICO CONSTRUCTAS POMARIIS VIRIDIS ORNATAS CUNCTIS ADVERSANTIIS DIVINAE PROVIDENZIA DE FORTUNAE PEREIDIA VELUT TROPHAEUM EREXIT MDCCXLIII (Il Signore Federico Valignano Patrizio Romano Teatino Marchese di Cepagatti Signore di Torrevecchia e di Casanova dal progenitore Drogone dei Conti Loritelli Normanni dei Castelli Valignani XXI governatore Questo edificio ha costruito ed ornato di frutteti e giardini nonostante l'opposizione di tutti eresse questo trofeo alla Divina Provvidenza nel 1743).

In questo palazzo Federico Valignani morì nel 1754.

Lo stabile, ora di proprietà del Comune di Torrevecchia Teatina e restaurato dal progettista architetto Gregorio Di Luzio di Chieti, è attualmente utilizzato dall´Università “G. d´Annunzio” per la sede dell'Università Telematica "Leonardo da Vinci" e del CEDUC - Continuing Education Center.

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna