Stampa
Visite: 2315

Zoe Incrocci, attrice, doppiatrice, nasce il 21 settembre 1917 a Brescia, e muore a Roma il 6 novembre 2003.

Sorella maggiore dello sceneggiatore Age (Agenore Incrocci), è stata una delle più note caratteriste degli anni cinquanta sul grande schermo.

Debutta a soli 17 anni nel ruolo di Lilina nel film L'eredità dello zio buonanima di Amleto Palermi (1934) ed intraprese, dal 1950 con Totò cerca moglie di Carlo Ludovico Bragaglia, una carriera un po' più costante, partecipando a numerose altre pellicole, come Il padrone del vapore di Mario Mattoli (1951), Noi siamo le colonne di Luigi Filippo D'Amico (1956), Colpo gobbo all'italiana di Lucio Fulci (1962), Dropout di Tinto Brass (1971) e Brutti, sporchi e cattivi di Ettore Scola (1976), nelle quali si distinse come attrice raffinata e spiritosa.

In televisione ebbe più soddisfazioni, esordendo nel 1955 con Piccole donne, cui seguirono nel 1957 Jane Eyre, Ottocento (1959), La Cittadella (1964, tutti diretti da Anton Giulio Majano ), Il giornalino di Gian Burrasca di Lina Wertmüller (1964), David Copperfield (1965), La fiera della vanità (1967, questi ancora con Majano) Il Circolo Pickwick (1968), Le avventure di Pinocchio di Luigi Comencini (1971) nel ruolo della Lumachina, nella prima metà degli anni ottanta interpreta il ruolo della governante nello sceneggiato Casa Cecilia con Delia Scala e Giancarlo Dettori ed i recenti Il Maresciallo Rocca di Giorgio Capitani e Lodovico Gasparini (1998), Don Matteo di Enrico Oldoini (1999) e La dottoressa Giò di Filippo De Luigi (1999).

Attiva anche in teatro ed alla radio, Zoe Incrocci divenne nota anche nel campo del doppiaggio soprattutto per aver prestato la sua voce gracchiante alla querula servetta di colore Butterfly McQueen in Via col vento (Gone with the Wind) di Victor Fleming (1939), a Jean Hagen in Cantando sotto la pioggia (Singin' in the Rain) di Stanley Donen e Gene Kelly (1952) ed alla giovane Marilyn Monroe in Eva contro Eva (All About Eve) di Joseph L. Mankiewicz (1950).

È stata attiva anche nel doppiaggio Disney doppiando l'elefantessa Prissy in Dumbo, Genoveffa in Cenerentola (doppiaggio del 1950) e Nonna Salice in Pocahontas (film) e Pocahontas II - Viaggio nel nuovo mondo.

Nel 1991 ricevette il David di Donatello e il Nastro d'Argento alla migliore attrice non protagonista per l'interpretazione di Elvira in Verso sera di Francesca Archibugi (1990).

Sposata con il regista Nino Meloni, del quale rimase vedova nel 1960, si spense nella sua abitazione romana all'età di 86 anni.

Vedi anche: Age