Pin It

Sant’Agnese

Nasce nel 290-293 a Roma, ed ivi vi muore il 21 gennaio 305.

Secondo la tradizione latina, è una nobile appartenente alla gens Clodia che subì il martirio durante le persecuzioni di Diocleziano all'età di 12 anni.

Molto varie e talvolta contrastanti sono le notizie circa la sua vita e il suo martirio.

Secondo alcuni il figlio del Prefetto di Roma si era invaghito di Agnese senza essere ricambiato, avendo la giovane fatto voto di castit√† a Ges√Ļ.

Dopo il rifiuto della ragazzina, il padre del giovane, saputo del voto di castità, le impose la clausura fra le vestali, con le quali avrebbe dovuto rendere culto alla dea che proteggeva la città di Roma.

Al rifiuto di Agnese, il prefetto l'avrebbe fatta rinchiudere in un postribolo.

Qui però nessun cliente aveva osato toccarla, tranne un uomo che la tradizione religiosa vuole accecato da un angelo bianco, cui però successivamente, per intercessione della stessa Agnese, Dio rese la vista.

La tradizione agiografica racconta anche che Agnese, accusata di magia, fu a quel punto condannata al rogo, ma le fiamme si divisero sotto il suo corpo senza neppur lambirlo ed i suoi capelli crebbero tanto da coprire la sua nudità.

Dopo questo "miracolo" Agnese fu trafitta con colpo di spada alla gola.

Dopo la sua morte il suo corpo fu sepolto nelle catacombe oggi conosciute con il suo nome.

Ad Agnese sono dedicati, a Roma, la chiesa di Sant'Agnese in Agone, in piazza Navona, il luogo supposto del martirio, e il complesso monumentale di Sant'Agnese fuori le mura, fatto erigere dalla principessa Costantina, figlia dell'imperatore Costantino I, sulle catacombe nelle quali fu sepolto il suo corpo.

Qui, ogni anno il 21 gennaio, due agnelli allevati da religiose vengono benedetti e offerti al papa perché dalla loro lana siano tessuti i palli dei patriarchi e dei metropoliti del mondo cattolico.

Sant'Agnese è la patrona delle vergini, delle fidanzate e dei giardinieri.

Anche l'Almo collegio Capranica, tradizionalmente costruito sul luogo della sua casa natale, la venera come patrona.

All'Aquila è patrona della Festa di Sant'Agnese e delle malelingue.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna