Pin It

Mafalda di SavoiaMafalda di Savoia: Il coraggio di una  principessa

di Elisabetta Mancinelli

Nasce il 19 novembre 1902 a Roma, e muore a 42 anni nel Lager di Buchenwald, il 28 agosto 1944.

Mite, intelligente e colta,¬† sposa e madre esemplare, di grande fede cattolica, sempre pronta alla carit√† per i pi√Ļ bisognosi e disagiati, la principessa¬† Mafalda di Savoia fu donna coraggiosa ¬†e rappresenta una vittima sacrificata sull‚Äôaltare degli olocausti perpetrati in una guerra dove l‚Äôodio ha espresso le sue pi√Ļ turpi facce.

Il sacrificio della sua breve  esistenza  è  l’ultimo atto di una scena terrena   caratterizzata dalla  presenza  costante  del Vangelo: anche  nel  campo  di concentramento  di  Buchenwald  non badò a se stessa, in cima ai suoi pensieri c’erano i figli, il marito, i genitori, gli internati del campo e in particolare gli italiani del lager, ai quali  fece  sentire  tutta  la  sua vicinanza.

Le sue ultime parole furono proprio dirette a loro: ¬ęItaliani, io muoio, ricordatemi non come una principessa ma come una vostra sorella italiana¬Ľ.

La vita

Mafalda  Maria Elisabetta  di Savoia, secondogenita di re Vittorio  Emanuele  III e della Regina Elena del Montenegro, nasce a Roma il 19 novembre 1902.

Estroversa e socievole, trascorse una giovinezza serena, grazie alla forte unione familiare, alla presenza costante e dolce della regina Elena, all’affetto di Vittorio Emanuele III, all’affiatamento con il fratello Umberto e le sorelle.

Di indole docile , ereditò dalla madre il senso della famiglia, i valori cristiani, la passione per l’arte e la musica.

Amava il ballo e in particolare la musica classica, soprattutto le opere di Giacomo Puccini, il quale le disse che proprio a lei avrebbe dedicato la Turandot.

Trascorse infanzia e giovinezza divisa fra Roma, Racconigi, San Rossore.

Durante la prima guerra mondiale seguì, con le sorelle Jolanda e Giovanna, la madre la regina Elena, donna dall’altissimo profilo spirituale, nelle frequenti visite negli ospedali ai soldati feriti  collaborando agli innumerevoli atti di carità verso i sofferenti ed i poveri.

Poco pi√Ļ che ventenne incontra¬† il landgravio¬† Filippo d'Assia, il grande amore¬† della¬† sua vita, giunto¬† in Italia¬† per i suoi studi di architettura.

Mafalda supera l'opposizione della famiglia, di Mussolini e del Vaticano, Filippo era  di fede protestante e riesce a sposarlo a Racconigi, il 23 settembre 1925.

Vittorio Emanuele III per l’ occasione donò alla figlia un piccolo casale romano situato fra i Parioli e Villa Savoia: Villa Polissena.

Dalla loro felice unione nacquero  quattro  figli:  Maurizio d’Assia  (1926), Enrico  d’Assia  (1927-1999), Ottone (1937-1998) ed Elisabetta (1940).

Il 28 agosto del 1943,  undici giorni prima della proclamazione dell' armistizio dell' 8 settembre, giunse a Villa Savoia la notizia della misteriosa morte di re Boris di Bulgaria, consorte di Giovanna di Savoia sorella di Mafalda (pare sia stato fatto avvelenare da Hitler).

Questa morte improvvisa in un momento tanto delicato mise Vittorio Emanuele III in difficoltà.

L'etichetta di corte imponeva che Casa Savoia fosse presente ai funerali, ma muoversi da Roma alla vigilia dell'armistizio sarebbe stato rischioso.

Alla fine fu deciso di mandare la sola Mafalda:¬† suo marito faceva parte dello Stato Maggiore del F√ľhrer e suo figlio militava nella Wehrmacht.

Qualunque cosa fosse accaduta si  pensava che certamente  i tedeschi l'avrebbero rispettata.

Fu così che mentre Roma ribolliva di complotti, Mafalda partì per Sofia.

La mattina dell' 8 settembre, poche ore prima della proclamazione dell'armistizio, Mafalda, a funerali conclusi, telefonò al genitore chiedendo il permesso di tornare.

¬ęTorna pure¬Ľ le rispose Vittorio Emanuele.

La principessa di Savoia non fu messa al corrente dell’armistizio e ne  venne informata soltanto a cose fatte alla stazione ferroviaria di Sinaia, in piena notte, dalla Regina di Romania, mentre stava tornando in Italia.

Tuttavia, dimentica di sé, decise ugualmente di raggiungere  Roma per ricongiungersi con i suoi figli  e il marito  che però a  sua insaputa era stato  imprigionato  da Hitler in Germania; era convinta anche lei che i tedeschi l’avrebbero rispettata in quanto moglie di un ufficiale tedesco.

Con mezzi di  fortuna, il 22 settembre raggiunse Roma e scoprì che il re, la regina ed  il  fratello Umberto avevano lasciato la capitale.

Riuscì a rivedere, per l’ultima volta, i figli Enrico, Ottone  ed Elisabetta e Maurizio, custoditi da monsignor Giovanni Battista Montini, futuro Paolo VI, nel proprio appartamento.

La Gestapo, che aveva aperto su di lei un vero e proprio Dossier, fece scattare l‚Äô¬ęOperazione Abeba¬Ľ: cattura e deportazione di Mafalda di Savoia.

Arrestata a Roma il 22 settembre 1943, venne imbarcata su un aereo con destinazione Monaco di Baviera, fu poi trasferita a Berlino ed infine deportata nel Lager di Buchenwald e rinchiusa nella baracca n. 15, sotto il falso nome di Frau von Weber.

Le venne vietato di rivelare la propria identità e per scherno i nazisti la chiamavano Frau Abeba.

Occupò una baracca insieme all’ex deputato socialdemocratico Rudolf Breitscheid   ed a sua moglie, e le venne assegnata come badante la signora Maria Ruhnau, alla quale Mafalda, in segno di riconoscenza,  regalerà l’orologio che portava al polso.

La dura vita del campo, il poco cibo, che divideva con coloro che reputava avessero pi√Ļ bisogno di lei ed il glaciale freddo invernale, deperirono ulteriormente il gi√† gracile e provato fisico di Mafalda.

Nell’agosto del 1944 gli anglo-americani bombardarono il lager e la sua baracca venne distrutta.

La principessa riportò gravissime ustioni e contusioni su tutto il corpo.

Fu ricoverata nell’infermeria della casa di tolleranza dei tedeschi del lager, ma qui non venne curata.

Dopo quattro giorni di agonia, sopraggiunse la cancrena al braccio sinistro che fu amputato con un interminabile e dissanguante intervento chirurgico.

Ancora addormentata, Mafalda venne riportata nel postribolo e abbandonata, senza assistenza.

Morì a 42 anni, il 28 agosto 1944.

Il dottor Fausto Pecorari, radiologo internato a¬† Buchenwald dichiar√≤ che Mafalda era stata intenzionalmente operata in ritardo e l‚Äôintervento era il risultato di un assassinio sanitario avvenuto per mano¬† di Gerhard Schiedlausky¬† (poi condannato a morte dal tribunale militare di Amburgo e giustiziato per impiccagione nel 1948), come era gi√† avvenuto per altri casi, soprattutto quando si trattava di eliminare ‚Äúpersonalit√† di riguardo‚ÄĚ.

La salma di Mafalda di Savoia, grazie al padre boemo Joseph Tyl, monaco cattolico dell‚Äôordine degli Agostiniani¬† non venne cremata, ma¬† messa in una cassa di legno e sepolta sotto¬† la¬† dicitura: ‚Äú262¬† eine unbekannte Frau‚ÄĚ: donna sconosciuta.

Trascorsero alcuni mesi e sette marinai italiani, reduci dai lager nazisti, trovarono la bara della principessa martire e posero una lapide identificativa.

Il destino la segnò crudelmente, ma il martirio di Buchenwald non fu altro che l’epilogo di una vita  spesa e protesa verso il prossimo.

Il suo destino passò per  l’Abruzzo

Mafalda, come si è detto , si era recata a Sofia per rappresentare Casa Savoia ai funerali di re Boris marito di sua sorella Giovanna e sarebbe dovuta rientrare a Ciampino da dove era  partita, ma a causa degli eventi, le fu sconsigliato e il volo fu dirottato all’aeroporto di Pescara dove arrivò l’11 settembre a distanza di soli due giorni dal passaggio dei genitori e di tutta la carovana di fuggitivi.

Il comandante dell‚Äôaeroporto di Pescara¬† Marchetti¬† le offr√¨ la possibilit√† di raggiungere con un aereo gli altri membri di Casa Savoia, ma lei rifiut√≤ perch√© aveva nell‚Äôanimo un solo desiderio quello di riunirsi¬† al pi√Ļ presto ai 4 figli rimasti a Roma.

Sconsigliata a partire con altri mezzi a causa della precariet√† della situazione, ci si preoccup√≤ di mantenere il pi√Ļ possibile segreta la sua presenza nel timore di qualche ritorsione da parte dei tedeschi.

Marchetti  la ospitò nella sua villa nell’agro di Silvi, ma il conte Vigliano, accompagnatore ufficiale di Mafalda e il Generale Olmi, di grande fede monarchica, che si trovava ancora a Chieti dopo lo scioglimento dell’esercito e che era corso immediatamente all’aeroporto di Pescara alla notizia dell’arrivo di Mafalda, concordarono che fosse preferibile  per la sua sicurezza  che prendesse alloggio a Chieti, nell’Hotel Sole, dove poteva essere controllata e salvaguardata a dovere.

Mafalda vi rimase nove giorni durante i quali fu confortata dall’affetto e solidarietà di quanti la avvicinarono e ne apprezzarono il profondo aspetto umano.

Anche perch√©, secondo quanto documenta Manlio Masci nel suo libro ‚ÄúSavoia ultimo giorno‚ÄĚ, ella non si rinchiuse nella sua stanza , come le avevano suggerito, ma usciva spesso soprattutto per recarsi nella vicina Chiesa della Trinit√†¬† a pregare e, durante tali sortite, si fermava a¬† parlare anche con la gente pi√Ļ umile verso la quale si mostr√≤ generosa.

Appariva triste e preoccupata per la sorte dei quattro figli che aveva lasciato a Roma, per quella del marito che sapeva trovarsi nel Nord Italia  e anche dei genitori e  del fratello Umberto sul conto dei quali non aveva riscontri precisi.

Le autorità locali si diedero molto da fare per avere informazioni attendibili in proposito.

Quando finalmente le giunsero rassicurazioni riguardo i bambini che si trovavano al sicuro in Vaticano , Mafalda pianse a lungo di sollievo e di commozione e si recò in Chiesa per ringraziare Dio.

Intanto  si profilava il pericolo che i Tedeschi assumessero il controllo di Chieti  tanto che il Prefetto ritenne prudente trasferire Mafalda dall’Hotel Sole alla Prefettura dando disposizione al colonnello Massangioli  di  provvedere ai pasti che la donna preferiva frugali e scarsi.

Desiderava solo ricongiungersi ai suoi figli¬† e non resisteva pi√Ļ dalla voglia di riabbracciarli per dare loro il conforto materno .

Confidava nel suo cuore che , una volta a Roma, sarebbe stato facile rintracciare suo marito il Principe d’Assia che, invece nel frattempo era stato catturato dai Tedeschi e rinchiuso in un campo di concentramento.

Per raggiungere la capitale  non le venne dato il consenso di utilizzare le auto  con gli autisti che erano state usate dai genitori che pure erano parcheggiate in piazza.

Ma Mafalda , dopo aver chiesto  un prestito di 50 mila lire al Direttore della Banca D’Italia, Raffaele Grilli, prese l’irremovibile decisione, a cui nessuno riuscì a opporsi di recarsi in treno a Roma.

La partenza avvenne la mattina del 20 settembre in compagnia di alcuni addetti alla Casa Reale ai quali era stato negato l’imbarco ad Ortona.

Il viaggio, data la situazione di emergenza, durò quasi venti  ore,  caratterizzato come fu da lunghe soste, in mezzo alle montagne e da ripetuti allarmi  terrestri e aerei.

A Roma ebbe la grande gioia di ritrovare finalmente i suoi figli  e di riabbracciarli, ma essa durò solo pochi giorni.

I Tedeschi , ormai padroni della città, la individuarono e le tesero il terribile tranello.

Si compì così il suo destino.

Ricostruzione storiografica d Elisabetta Mancinelli¬† email : Questo indirizzo email √® protetto dagli spambots. √ą necessario abilitare JavaScript per vederlo.

I documenti sono tratti dall‚ÄôArchivio di Stato di Chieti e da: ‚ÄúPescara e la guerra‚ÄĚ di Alfonso Di Russo

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna