Pin It

In merito al terremoto dell’Aquila del 6 aprile 2009, ne abbiamo viste e lette di tutti i colori: dai vari personaggi che pontificavano davanti alle telecamere dicendo che le case erano state costruite con la sabbia di mare, alle varie Cassandra…” io l’avevo detto ma nessuno mi ha voluto ascoltare”.

Ci sono stati commenti alle parole pronunciate dal nostro Presidente Giorgio Napolitano: “molti costruttori dovrebbero farsi l’esame di coscienza”….

Commenti pubblicati il 12 aprile sul Corriere della sera, a pagina 3: “dove stavano il Genio Civile, gli Ispettorati,  la Asl, quando venivano su queste case di burro? Perché la verità è che,  se non ci sono i controlli, ecco che succede”…. Che succede? Succede che l’uomo deve riscoprire i valori della vita…

La persona onesta non ha bisogno di controlli.

L’ultima considerazione, in ordine di tempo, l’abbiamo letta sul quotidiano IL TEMPO di venerdì 24 luglio, a pagina 2: Gaetano Manfredi, docente dell’Università Federico II di Napoli, in occasione del 54° Congresso degli Ingegneri che si tiene a Montesilvano: “non c’è da gridare allo scandalo se l’Ospedale San Salvatore ha subito lesioni dal sisma, anzi era quasi ovvio”. “Le norme antecedenti al primo luglio 2009, ossia la data in cui, dopo sei anni di attesa, sono state approvate le nuove norme tecniche delle costruzioni, prevedevano che gli edifici fossero progettati per non crollare di fronte a scosse violente, e infatti così è stato: il San Salvatore non è crollato, è “solo” diventato inagibile”.

Che succede? Succede che i tre bimbi deceduti a causa del distacco (crollo?) del soffitto della loro cameretta dell’ospedale San Salvatore, si trovavano nel posto sbagliato al momento sbagliato?

Che succede? Succede che tutti i degenti presenti in quei momenti nell’Ospedale San Salvatore, ormai “inagibile”, sono stati trasferiti d’urgenza in altri ospedali.

Che succede? Succede che i feriti  a causa del terremoto sono stati portati in Ospedali lontani dall’Aquila, anche i feriti gravissimi in quanto… l’ospedale San Salvatore dell’Aquila, è “inagibile”.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna