Pin It

I riti della Settimana Santa a Sulmona

Le celebrazioni iniziano il lunedì Santo

La Settimana Santa a Sulmona è costituita da una serie di riti religiosi che vanno dal Lunedi Santo alla Domenica di Pasqua.

Le origini di queste manifestazioni sono molto antiche anche se poco documentate, ma ebbero sicuramente un certo sviluppo dal 1600 in poi grazie alla nascita delle due Confraternite che a tutt'oggi detengono la gestione dell' intera settimana Pasquale: La Confraternita della SS Trinità e di Santa Maria di Loreto.

Si comincia dal Lunedì Santo dove i membri della Confraternita di Santa Maria di Loreto si riuniscono nella loro chiesa (Santa Maria della Tomba) e tra i soli confratelli maschi si decide chi porterà le statue di Pasqua fra cui la più ambita, quella della " Madonna che Scappa ".

Si procede poi alla composizione delle quadriglie; i 4 portatori delle Statue di Pasqua che vengono portate nella processione pomeridiana del Venerdì Santo e solo per un breve tratto.

La più grande si svolge la sera a cura dei Trinitari.

Inoltre la quadriglia della statua della Madonna che scappa avrà anche l'onore di "sorvegliare" il Santo Sepolcro del Giovedì Santo.

Sempre il lunedì presso la Confraternita della Trinità ci si dà appuntamento presso la sala delle adunanze per il rituale sorteggio delle mansioni per la Processione del Venerdì Santo.

Per quelle di "tronchista", "mazziere", e capo processioniere, il sorteggio avviene singolarmente, mentre coloro che intendono portare la statua del Cristo Morto e della Madonna Addolorata, devono presentare delle quadriglie e il sorteggio avverrà per gruppi di 4.

Il Martedì Santo i confratelli di Santa Maria di Loreto iniziano a preparare gli arredi e le statue.

Le vesti della Madonna che scappa vengono coperte da un telo nero.

Nella Cappella della chiesa della Tomba vengono sistemati gli arredi processionali e al centro vengono messi i simulacri del Cristo Morto, della Madonna vestita di nero e degli apostoli Pietro e Giovanni.

Il mercoledì Santo nell'ambito della complessa Settimana Santa a Sulmona, nelle chiese delle due Confraternite preposte allo svolgimento delle manifestazioni religiose pasquali, fervono i preparativi per le storiche e imponenti processioni del Venerdì Santo e della Domenica di Pasqua.

Nella chiesa di Santa Maria della Tomba si svolgono le prove della "Madonna che scappa", Maria che corre incontro al Figlio Risorto.

La chiesa della Trinità, quella dalla quale partirà la processione del Venerdì Santo invece, chiude nel tardo pomeriggio di mercoledì e nessuno può più entrare salvo il Priore e il Sacrestano dell'Arciconfraternita con i confratelli chiamati per allestire gli arredi processionali posizionati lungo tutta la navata della Chiesa.

Si arriva al Giovedì Santo, un evento molto partecipato dai sulmonesi che per tradizione si recano in massa a far visita ai "sepolcri" allestiti nelle principali chiese della città.

Tra i più suggestivi spicca il "sepolcro" di Santa Maria della Tomba dove ha sede la Confraternita della Domenica di Pasqua.

In questa chiesa i confratelli vegliano per tutta la notte il Sepolcro e rinnovano le promesse battesimali.

Il sepolcro di San Francesco della Scarpa è allestito nella Cappella della Visitazione dove si possono vedere i "nenniri" piante fatte crescere al buio durante la Quaresima dal caratteristico colore giallognolo, mentre dalla cima della volta della cappella pende una importante croce lignea del XV sec coperta da un drappo nero.

Il Sepolcro della Cattedrale di San Panfilo è un'altra tappa di questa giornata particolare per i cittadini di Sulmona che possono ammirare la grande scenografia allestita a un lato della navata centrale: drappi di tessuto broccato a tinte del rosso e fiori bianchi con candele accese rendono particolarmente suggestiva l'atmosfera di questo rito del giovedì santo.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna