Stampa
Visite: 86

Festa in onore della Madonna della Libera

Si celebra il 21 novembre a Villa Torre

Figura amatissima nel territorio abruzzese è la Madonna della Libera, che nel toponimo esalta il suo maggiore potere: la liberazione, virtù che nel popolo ha assunto significati diversi, adattati a molteplici esigenze.

Essa si configura allora liberatrice della peste, flagello che aveva mietuto tante vittime in terra d'Abruzzo, ma anche liberatrice di ogni male fisico e spirituale, rispondendo ad un bisogno universale insito nel cuore di ogni uomo.

Intensa è ancora la devozione per questa Vergine Madre in tanti paesi.

Nella vivace contrada di Villa Torre di Ortona se ne trova una testimonianza.

Gli anziani raccontano dei partecipati e commoventi pellegrinaggi  che il 21 novembre i devoti svolgevano verso la chiesa che custodisce la sua Immagine.

Si interrompevano tutte le attività quotidiane per condividere la sua giornata festiva e come in ogni santuario i fedeli avanzavano verso l'altare in ginocchio, percuotendosi il petto, invocando la sua protezione con lo sguardo fisso ai suoi occhi, così come le struggenti pagine dannunziane raccontano per la visita al santuario dei Miracoli.

I gesti, le richieste di aiuto e di grazie sono uguali dovunque ci sia un'umanità sofferente e un personaggio sacro preposto a protezione.

Ancora oggi gruppi di devoti di Ortona vanno verso la chiesa di Villa Torre a piedi oppure si radunano in pullman per continuare la tradizione che si fa risalire all'inizio del 1900.

L'indulgenza plenaria concessa dal pontefice Pio X il 23 ottobre 1914 alla chiesa ortonese testimonia l'importanza del culto allora  presente nella piccola contrada.

L'attuale chiesa che accoglie il simulacro della Madonna,  una pregevole conocchia collocata nella nicchia sovrastante l'altare maggiore, venne eretta nel 1797 e dedicata a San Lorenzo martire.

Dal 1986 è sottoposta alla parrocchia di San Leonardo, sita nella omonima contrada di Ortona.

Il 21 novembre la comunità di Villa Torre si anima per rendere il suo omaggio alla Vergine con solenni celebrazioni liturgiche e manifestazioni profane di divertimento collettivo che richiamano visitatori anche dalle località vicine.

Le strade principali e la piazza sulla quale fronteggia la chiesa vengono addobbate di luminarie e invitanti bancarelle di giochi, cibi e leccornie che soddisfano grandi e piccoli.

Alla seguitissima  processione con la banda, seguono  spettacoli musicali e fuochi pirotecnici.

Una piacevole occasione per condividere un'allegra e genuina festa popolare.

Vedi anche: Ortona Story