Pin It

Conocchie, carri e donativi

Festa in onore di Sant'Antonio, Santi Cosma e Damiano e Santa Innocenza

Ricorrenza il 26, il 27, il 28 settembre

In Abruzzo la devozione ai Santi Medici¬†ha molte cappelle ed altari, i pi√Ļ conosciuti dei quali sono ai santuari di Lentella, Altino, Roccascalegna.

In ognuno di essi, oltre ad una generica taumaturgia che comprende i mali fisici e spiri­tuali compreso un patronato antidemoniaco, si esercita una specifica protezione.

Ad Altino si recano i malati di artrosi e delle affezioni della pelle, a Lentella si va per guarire dalle febbri reu-matiche, dalle broncopolmoniti, dalle malattie infantili della crescita.

A Roccascalegna per invo­care parti facili e favorevoli.

Varie sono le pratiche magico religiose che vi si attuano: dalla ormai quasi del tutto scomparsa incubatio nel recinto sacro costituito dalle mura perimetrali della chie¬≠sa e, nei casi pi√Ļ gravi, dalla cappella dedicata ai Santi, alla svestizione dei malati all'interno del santuario e successiva vestizione degli stessi con abiti devozionali che ne segnino la consacrazione e l'appartenenza ai santi, fino a quella pi√Ļ comu¬≠ne che consiste nel toccare con un fazzoletto e/o semplicemente con il palmo della mano le statue e le reliquie e poi strofinare le parti malate.

Un rituale che trova qualche resistenza applica­tiva da parte dei religiosi addetti al culto è quello della raccolta della terra calpestata dai preti all'in­terno del santuario o durante la processione.

La terra e, nei casi pi√Ļ fortunati, l'orma impressa dal piede, viene conservata ed applicata sul corpo del malati, specialmente sul ventre dei bambini.

Qualche anziana contadina riferisce che un tempo, per impetrare la fertilit√† femminile, era necessario ridurre la pelle essiccata di un serpen¬≠te in polvere da sciogliere in una pozione liquida che doveva essere bevuta per trentatr√© giorni invo¬≠cando l'aiuto dei Santi Medici.In tutti e tre i santuari resta, pi√Ļ o meno disgre¬≠gato e ridotto a forme folcloristiche, l'uso dei Donativi.

Si tratta di conche, dette conocchie, addobbate di fiori e di nastri e ricolme di grano, dolci, uova, oppure di carri, sempre pi√Ļ spesso sostituiti da trattori, che dalle contrade portano, fino davanti ai santuari, con cortei e processioni a cui partecipa tutto il popolo, i prodotti della cam¬≠pagna.

I doni depositati nel santuario vengono in seguito venduti all'asta, per sostenere il manteni­mento della chiesa e le spese della festa.Si tratta di processioni e sfilate che, quando anche abbiano perso l'originario valore, costitui­scono momenti molto pittoreschi della religiosità popolare e in grado di suscitare l'attenzione, se non degli studiosi, almeno dei turisti.

Riguardo al significato della pratica si possono fare due ipotesi; la prima √® che si tratta di Donativi esibiti annualmente in un rituale collettivo inteso a ringraziare i Santi per il buon raccolto dei campi, la seconda che essa sia la sopravvivenza di un pi√Ļ complesso rituale simbolico dello scambio dei corpi con un corrispettivo materiale.

Ossia il gruppo o il singolo, non potendo votare fisicamente la propria persona in un servizio che impli­cherebbe un obbligo di residenza e di totale appar­tenenza al Santuario, lascia in esso il corrispettivo materiale della propria fisicità.

II culto dei Santi Cosma e Damiano doveva essere già notevolmente diffuso nel VI secolo, quando Amalasunta regina dei Goti promosse la costruzione della basilica romana dedicata ai due fratelli taumaturghi, forse per creare in Occidente un luogo che potesse stare alla pari del tempio dedicato loro a Costantinopoli, dove accorrevano migliaia di malati per praticare il rituale della c. d. incubazione, ovvero del sonno salvifico durante il quale la divinità si manifestava agli uomini.

Le narrazioni agiografiche pi√Ļ antiche, raccolte e compendiate nella Leggenda aurea di Jacopo da Varazze, raccontano che i due gemelli erano origi¬≠nar! della Cilicia dove esercitavano l'arte medica, insieme ad altri tre fratelli Leonzio, Eupreprio e Antimo.

Dopo aver operato diversi miracoli ed essere stati definiti anagiri, perché offrivano le loro prestazioni professionali gratuitamente e per amore di Dio, subirono il martirio sotto Diocleziano.

Le storie che riguardano Cosma e Damiano, i cui nomi in greco significano rispettivamente Ordinato a regola d'arte e Domato dalla ragione, ripetono i motivi mitici e religiosi della e. d. medi¬≠cina del Tempio di Asclepio che, oltre che ad Epidauro, aveva un centro importante proprio ad Agea di Cilicia, paese natale dei Santi Martiri, ed i cui rappresentanti pi√Ļ conosciuti erano i Dioscuri.

Anche questi guarivano i loro devoti in sogno e senza ricompensa, come del resto prescriveva Asclepio, attribuendo le loro capacità taumaturgiche all'intervento divino; nei loro templi si prati­cava l'incubatio ed era consuetudine deporre nella stipe votiva le raffigurazioni delle parti anatomiche malate o l'offerta rituale di un gallo nero, del quale, nelle cerimonie paraliturgiche di guarigio­ne magico-religiosa, resta a volte solo la presenza di una penna delle remiganti con cui si compiono le unzioni terapeutiche.

Si deve supporre, quindi, che nella maggior parte dei casi, i Santi Medici abbiano sostituito, solo a livello formale prece­denti culti di struttura arcaica e di matrice indoeu­ropea, acquisendo, nell'ambito delle guarigioni miracolose, specifiche connotazioni e precisi patronati di luogo in luogo.

Fonte Edizioni Menab√≤ ‚Äď d‚ÄôAbruzzo

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna