Pin It

Festa di San Berardo e i "ranati"

Si celebra il 2 maggio

San Berardo nasce a Colli di Montebove nel 1079 dalla famiglia Berardi, nel 1109 fu nominato Vescovo dei Marsi e lo rimase fino al 3 novembre 1130, giorno della sua morte.

Fu sepolto nella cattedrale di Santa Sabina e nel 1631, quando la diocesi fu portata a Pescina, le sue spoglie furono traslate nella cattedrale di Santa Maria delle Grazie.

Il primo maggio la confraternita di San Berardo e una nutrita delegazione di cittadini di Pescina si recano a Colli di Montebove per rendere omaggio al Santo.

Il giorno successivo gli abitanti di Colli si recano a Pescina, alle porte della città sono accolti dalla confraternita di San Berardo, dalle autorità civili e religiose, dalla banda e insieme si recano in chiesa; qui si recitano le litanie al Santo mentre alcuni fedeli di Colli salgono al campanile per sostituire, come si fa ogni anno, la fune della campana di San Berardo che suona a distesa fino alla fine delle funzioni religiose.

Le due settimane che precedono la festa la confraternita di San Berardo distribuisce a tutte le famiglie di Pescina una ciotola di grano cotto e un'immaginetta del Santo, ricevendo in cambio un'offerta per la festa, a ricordo di un miracolo compiuto da San Berardo che in un anno di carestia preservò il paese dal flagello della fame facendo trovare un granaio sempre pieno di grano.

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna