Pin It

Festa di Santa Rita

Ricorrenza: il 22 maggio

A Villa Oliveti è molto sentita la devozione verso Santa Rita da Cascia, il cui culto è legato alle origini benedettine del paese.

La celebrazione religiosa si svolge nel tardo pomeriggio con una processione che prende avvio dalla chiesa parrocchiale e muove in direzione dell' ingresso del paese fino a toccare la strada che oggi coincide con l' antico tracciato del Regio Tratturo L' Aquila – Foggia.

Durante la processione sono lanciati in direzione della statua della Santa petali di rose o di papaveri rossi.
La rosa fu scelta come rappresentazione della santificazione, dalla stessa santa.

Racconta la leggenda che, costretta a letto da quasi quattro anni, Rita fu visitata da una sua cara parente la quale, nel congedarsi, le domandò se desiderasse qualcosa da casa sua.

Rita rispose che desiderava una rosa dal suo orticello di Roccaporena, desiderio quasi impossibile da esaudire, stante il fatto che si era nel rigido mese di gennaio.

La parente trovò invece con sua sorpresa una bella rosa fiorita e fresca in mezzo al rosaio dell’orto di Roccaporena.

Si premurò allora di portarla alla Santa che, dopo averla odorata, ringraziò il Crocifisso e ne fece dono alle sue consorelle, stupite di tanta gentilezza, per ringraziarle di tante premure durante la sua malattia.

Da quel dì al maggio susseguente il tempo fu breve.

Essa sarebbe volata al cielo per divenire un petalo della "candida rosa".

Raggiunto il Tratturo, che è il luogo più elevato del paese, spettacolari fuochi pirotecnici salutano la Santa.

Vedi anche: Villa Oliveti Story; Santa Rita da Cascia

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna