Pin It

La festa del falò di Sant'Antonio a Salle

Si svolge il 16 gennaio

Pasque bbuffanija tutte le feste se porte vie sole Sant’Antonie sta pe la vie!

Sant'Antonie de Jnnare mezze vine e mezze pane, mezze strame a ru paghiore e tutte quante ru rucignore (Sant' Antonio di gennaio: metà vino e metà pane, metà foraggio nel pagliaio e tutto il maiale).

Il periodo che precedeva la primavera era contraddistinto un tempo da cerimonie per purificare gli uomini, gli animali e i campi favorendo così il risveglio del cosmo dopo il letargo invernale.

La più importante delle  feste che rivestono attualmente queste funzioni lustrali e rigeneratrici è quella ispirata a Sant'Antonio abate, figura carismatica vissuta in Egitto tra il 250 e il 356 che ha però esercitato grande influenza anche in Occidente come scrive Sant'Agostino nelle Confessioni affermando come a trent'anni dalla morte fosse ancora estremamente popolare.

A Salle la devozione a Sant'Antonio abate, protettore degli animali è molto sentita, infatti era usanza portare gli animali in piazza per ricevere la benedizione da parte del parroco.

In suo onore la sera del 15 gennaio, vigilia della festa, in una piazzetta del paese viene acceso un falò, alimentato da una grande quantità di legna che nel pomeriggio i ragazzi raccolgono facendo il giro del paese.

E' tradizione infatti che ogni famiglia contribuisca con un po' della propria legna alla composizione della pira.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna