Pin It

Il Solstizio d'Estate e la festa di San Giovanni

di Elisabetta Mancinelli 

Il 24 giugno si celebra la nativit√† di San Giovanni Battista, Santo fra i pi√Ļ popolari in Oriente come in Occidente.

Questa data venne stabilita dai  cristiani per contrastare le feste pagane.

In questo giorno i babilonesi festeggiavano il matrimonio del il sole (fuoco)  con la luna (acqua) e nell’antica Roma si celebrava Fors Fortuna dea della casualità.

La figura di San Giovanni Battista ha dunque assorbito in sé molti degli antichi culti del sole da cui gli usi di bruciare i  falò  e i riti della rugiada e dell'acqua con cui battezzava: simbolo della purificazione e della rinascita .

La festa del Battista¬† √® quella che forse pi√Ļ esemplarmente di altre testimonia di quella commistione di pagano e cristiano che √® uno dei tratti caratterizzanti la religione popolare.

Nel corso  del tempo, c'è stato un mescolarsi  di tradizioni antiche,  pagane,  e  ritualità  cristiana, che  dettero  origine a credenze e cerimoniali  in  uso ancora oggi principalmente  nelle aree rurali della nostra regione.

San Giovanni è  considerato  anche il  patrono delle sorgenti e il 24 giugno è usanza consumare lumache, animale posto sotto la Luna. Secondo la tradizione, le corna delle lumache portano discordia, mangiandole e seppellendole nello stomaco la discordia viene scongiurata.

VITA  DI SAN GIOVANNI BATTISTA

Giovanni nacque da Zaccaria ed Elisabetta cugina della Vergine.

I genitori, osservanti di tutte le leggi del Signore, non avevano avuto figli, perché Elisabetta era sterile e ormai avanti negli anni.

Un giorno, mentre  Zaccaria offriva l’incenso nel Tempio, gli comparve l’Arcangelo Gabriele che gli disse: “Non temere Zaccaria, la tua preghiera  è stata esaudita e tua moglie Elisabetta ti darà un figlio che chiamerai Giovanni.

Quando Maria ricevette l’annuncio dall’Arcangelo Gabriele, venne informata dell’attesa della cugina Elisabetta di un figlio.

Quando Giovanni nacque, il padre Zaccaria che all’annuncio di Gabriele era diventato muto per la sua incredulità, riacquistò la voce; la nascita avvenne ad Ain Karim a circa sette chilometri ad Ovest di Gerusalemme.

Della sua infanzia  non si sa  nulla solo che, ancora giovane, si ritirò per alcuni anni nel deserto conducendo una vita da asceta e nutrendosi  di locuste e miele selvatico.

Nell'anno '29 d.C. sotto l’impero di Tiberio, riapparve sul Giordano predicando il battesimo di conversione per il perdono dei peccati e annunziando l'arrivo del Messia.

Da tutta la Giudea, da Gerusalemme e da tutta la regione intorno al Giordano, accorreva ad ascoltarlo tanta gente considerandolo un profeta; e Giovanni in segno di purificazione dai peccati e di nascita a nuova vita, immergeva nelle acque del Giordano, coloro che accoglievano la usa parola, cioè dava un Battesimo di pentimento per la remissione dei peccati, da ciò il nome di Battista che gli fu dato.

Molti cominciarono a pensare che egli fosse il Messia tanto atteso, ma Giovanni assicurava loro di essere solo il Precursore: ‚ÄúIo vi battezzo con acqua per la conversione, ma colui che viene dopo di me √® pi√Ļ importante di me e io non sono degno neanche di sciogliere il legaccio dei sandali ; egli vi battezzer√† in Spirito Santo e fuoco.

Anche Ges√Ļ si present√≤ al Giordano per esser battezzato e Giovanni quando se lo vide davanti disse:¬† ‚ÄúEcco l‚ÄôAgnello¬† di Dio, ecco colui che toglie il peccato dal mondo!‚ÄĚ ¬†e¬† a¬† Ges√Ļ:¬† ‚ÄúIo ho bisogno di esser battezzato da te e tu vieni da me? -

Giovanni, giudeo osservante e rigoroso,  operò senza mai  indietreggiare  neanche  davanti  al re  d’Israele Erode Antipa, che aveva preso con sé la bella Erodiade, moglie divorziata di suo fratello  si  sentì perciò  in  dovere di protestare verso il re per la sua condotta immorale .

Infuriata Erodiade gli portava rancore, ma non era l’unica; perché il Battesimo che Giovanni amministrava, perdonava i peccati, rendendo  così inutili  i  sacrifici espiatori, che in quel tempo si facevano al Tempio, e ciò non era gradito ai sacerdoti giudaici.

Il Vangelo di Marco ci racconta che Giovanni venne fatto arrestare da Erode su istigazione di  Erodiade.

Un giorno il re diede un banchetto per festeggiare il compleanno di Erodiade, invitando tutta la corte ed i notabili della Galilea.

Alla festa partecip√≤ con una conturbante danza anche Salom√®, la figlia di Erodiade e¬† nipote di Erode; la sua esibizione piacque molto al re ed ai commensali, per cui il re¬† disse alla ragazza: ‚ÄúChiedimi qualsiasi cosa e io te la dar√≤‚ÄĚ.

Salomè chiese consiglio alla madre  ed Erodiade  le disse di chiedere la testa di Battista.

Erode rimase rattristato da tale richiesta , ma per il giuramento fatto pubblicamente, non volle  rifiutare e ordinò di portare la testa di Giovanni, che era nelle prigioni della reggia.

Il Battista fu decapitato, i suoi discepoli saputo del martirio, vennero a recuperare il corpo, deponendolo in un sepolcro; l’uccisione suscitò orrore e accrebbe la fama del Battista.

Il suo culto si diffuse in tutto il mondo conosciuto di allora.

La festa della Nativit√† di San Giovanni Battista √® celebrata il 24 giugno, sei mesi prima della nascita di Ges√Ļ, secondo quanto annunci√≤ l‚ÄôArcangelo Gabriele a Maria.

IL SOLSTIZIO D’ESTATE

Il termine Solstizio deriva  dal lat. Solstitium:  sol  'sole' e  sistere  'fermarsi' perché sembra che il sole si fermi e torni indietro  sorgendo e tramontando sempre nello stesso punto.

Il 24 giugno coincide dunque¬† con un momento di grande importanza astronomica: il solstizio d'estate, quando il sole, che ha appena superato il punto solstiziale, comincia a decrescere sull'orizzonte, nell'emisfero boreale si ha il giorno pi√Ļ lungo dell'anno e inizia la stagione calda.

USI POPOLARI LEGATI AL SOLSTIZIO IN ABRUZZO

Molte le usanze e le tradizione della nostra regione  legate a questo evento astronomico.

I Fuochi di San Giovanni

Se molti anni fa’ si avesse avuto la possibilità di sorvolare di notte l'Abruzzo in prossimità di paesi e villaggi  si sarebbero visti centinaia di fuochi.

Piccole e grandi comunità erano solite preparare durante i giorni che precedevano la festa enormi mucchi di legna che venivano poi incendiati la notte tra il 23 e il 24 giugno.

I fal√≤ solstiziali accesi nei campi la notte di San Giovanni¬† non solo nella nostra¬† ma anche in molte regioni europee erano considerati¬† propiziatori e gli venivano attribuiti virt√Ļ purificatrici e rigenerative: i fuochi, simbolo del sole, scacciavano demoni e streghe e prevenivano le malattie.

Spesso con le fiamme di questi  falò venivano incendiate delle ruote di fascine, che venivano fatte precipitare lungo i pendii, accompagnate da grida e canti.

In passato era credenza diffusa in Abruzzo e in Molise che si sarebbe sposata entro l' anno la giovane che in questo giorno per prima si fosse rivolta ad est e avesse visto nel sole nascente  l' immagine del santo.

La raccolta delle erbe

Un’altra tradizione di questa notte magica  era la raccolta delle erbe in quanto si riteneva avessero  un potere particolare e potenziato in grado di scacciare ogni malattia.

Le erbe raccolte in questa notte secondo antiche credenze avevano  un potere particolare, erano  in grado di scacciare ogni malattia e tenere lontano gli spiriti maligni in quanto  tutte le loro caratteristiche e proprietà erano esaltate  alla massima potenza.

Inoltre, alle prime luci del 24 giugno, i contadini che possedevano alberi di noce dovevano andare a legare una corda di spighe di orzo ed avena intrecciate ai tronchi dei loro alberi.

In questo modo avrebbero poi raccolto frutti buoni e abbondanti.

In molte località si usava e si usa ancora  fare il nocino, un liquore a base di noci non mature.

La raccolta della rugiada

Un  altro antico rito  consisteva  nel  raccogliere  la  rugiada della mattina di San Giovanni, ovviamente  legata  all'elemento acqua perché si riteneva  avesse il potere di curare, di purificare e di fecondare.

Per raccoglierla si stendeva un panno tra l’erba, strizzandolo poi il mattino successivo, oppure  si scavava una piccola buca, in cui  si inseriva un bicchiere o un altro contenitore.

LE TRADIZIONI  DI  SAN  GIOVANNI  IN ABRUZZO

La notte compresa tra il 23 ed il 24 era  anche la "la notte delle streghe": le streghe che erano tutte in circolazione per partecipare al loro congresso annuale.

In Abruzzo c’erano  decine di modi diversi per difendersi da loro, come per esempio ritirare i panni stesi dei bambini prima che facesse buio o sistemare dietro la porta di casa una pannocchia di granturco.

La notte di San Giovanni veniva ritenuta  notte di prodigi.

A Celano le donne usavano raccogliere con un oggetto non metallico la rugiada per curare eventuali problemi agli occhi o, pi√Ļ semplicemente, per essere desiderate.

Si riteneva inoltre che San Giovanni fornisse anche vaticini, e gli abruzzesi  un tempo interrogavano l'albume d'uovo o il cardo mariano.

Si versava il bianco di un uovo in un contenitore trasparente e lo si esponeva alla rugiada della notte, ritirandolo prima che sorgesse il sole: il disegno formato dall'albume avrebbe fornito la risposta ad un evento futuro.

Si usava anche, la notte del 23 giugno,  raccogliere  il cardo mariano in quanto si pensava fornisse  notizie sulla vita sentimentale: il ragazzo o la ragazza dopo averlo colto e averne bruciacchiato la corolla  lo ponevano  in un contenitore d'acqua fuori della finestra.

Se il giorno dopo i petali rinverdivano il desiderio d'amore si sarebbe avverato.

A Pianella e San Salvo ancora oggi  si bruciano due cardi, uno si tiene in casa e l'altro fuori della finestra:  la ragazza sposerà un forestiero se il cardo fuori della finestra dà segni di ripresa.

In molte località  d’Abruzzo, la sera della vigilia le ragazze mettevano sotto il cuscino tre fave: una sbucciata completamente, l'altra solo in parte, la terza con la buccia intatta.

La mattina del 24 giugno la fanciulla prendeva a caso una delle tre fave: se prendeva quella senza buccia avrebbe sposato un uomo povero; se sceglieva la seconda lo sposo non sarebbe stato né ricco né povero, prendendo la terza avrebbe trovato un uomo ricchissimo

Trasacco e Bisegna rito del comparatico

Un tempo il 24 giugno era il giorno in cui i giovani stringevano tra loro un particolare vincolo di comparatico, una sorta di parentela spirituale, ritenuta indissolubile e sacra forse pi√Ļ di quella fisica.

Questa usanza si rinnova tuttora tra due paesi Trasacco e Bisegna  i cui abitanti, per l'occasione si ritrovano sul fiume Giovenco, nei pressi di una antichissima fontana la cui acqua dedicata al Battista, è ritenuta miracolosa.

Dopo essersi bagnati nel fiume, di cui raccolgono l'acqua in bottiglie  per utilizzarla  per le malattie della pelle, i devoti dei due paesi rinnovano il rito del comparatico, scambiandosi rituali abbracci , mazzetti di fiori, ornati con l'immagine sacra di San Giovanni, profumati con rami di basilico, rosmarino e menta.

Dopo aver ascoltato la messa, tra gli spari dei mortaretti e il suono delle bande, danno inizio ad una processione che conduce la statua di San Giovanni fino al paese.

A Civitella Roveto, bagnata dal fiume Liri,  che  si trova all'interno di una riserva naturale, nota, fin dall'antichità, per il miracoloso potere delle sue acque, le donne sterili usavano immergersi nella cascata di Zompo lo Schioppo per curarsi e  propiziare la maternità.

La tradizione legata a San Giovanni narra che, nella notte tra il 23 e il 24 giugno, le acque del fiume Liri acquisiscono uno speciale potere curativo.

E’ una festa molto sentita nel paese: una grande folla accorre durante la sera del 23 per aspettare il tramonto e bagnarsi nel fiume durante la notte; la mattina del 24 giugno viene poi celebrata una Messa sulle rive del fiume.

Segue una solenne e partecipata processione con la statua del Santo.

A  Pescosansonesco il santuario del Beato Nunzio Sulpizio accoglie al suo interno  la parrocchia di San Giovanni Battista, trasferita in seguito alla frana del 1934 che investì una vasta zona del paese ed in particolare l'area del castello di Pesclum, dov'era situata la vecchia chiesa dedicata al Battista.

I festeggiamenti in onore di questo santo sono qui tradizione antica e radicata.

I vecchi del paese ricordano anzi come fino agli anni '50 del secolo scorso ben tre giorni di festa, 24-25-26 giugno, allietassero la comunità.

Il giorno 23 c' √® invece il ‚ÄúRinnovo dell' acqua e del fuoco‚ÄĚ, rito mai abbandonato dai pescolani.

In tale occasione viene benedetta l' acqua che verr√† utilizzata per tutto ¬†l'anno seguente nei battesimi e viene ‚Äúsaltato il fuoco‚ÄĚ: chi compie questo gesto va incontro a una vera e propria purificazione dell' anima.

Ai nostri giorni¬† la¬† notte di San Giovanni: la notte del solstizio e¬† dei fuochi, anche se¬† ai fal√≤ sui monti si sono sostituiti i fuochi d'artificio sulle spiagge, non cambia il suo significato magicamente archetipale di una grande e antica¬† festa solare che venne celebrata da poeti e scrittori a cominciare da Shakespeare¬† nella sua ‚ÄúNotte di mezza estate‚Ä̬† sino al nostro Gabriele D‚ÄôAnnunzio.

Il Vate  ricorda  l’antica usanza delle ragazze abruzzesi che si svegliavano all’alba per guardare il sorgere del sole, poiché la prima che avesse visto nel disco luminoso e sanguigno il volto di San Giovanni decapitato dopo la danza dei sette veli di Salomè, entro l’anno si sarebbe felicemente maritata.

Ne ‚Äú La figlia di Iorio‚Ä̬† Ornella cos√¨ dice ad Aligi:

E domani è Santo Giovanni,

fratel caro: è San Giovanni

Su la Plaia me ne vo’ gire

per vedere il capo mozzo

dentro il Sole all’apparire,

per vedere nel piatto d’oro

tutto il sangue ribollire.

E domani è Santo Giovanni,

fratel caro: è San Giovanni

Su la Plaia me ne vo’ gire

per vedere il capo mozzo

dentro il Sole all’apparire,

per vedere nel piatto d’oro

tutto il sangue ribollire.

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna