Pin It

Lungo la Estrada Real in Brasile

Viaggio in Brasile lungo l’antica strada dell’oro che da Ouro Preto conduce a Rio e porta alla scoperta delle più belle ed affascinanti scenografie del paese.

di Daniela Lam
Il Brasile lo si può scoprire in tanti modi e attraverso diversi punto di vista. Anche percorrendo la Estrada Real, un itinerario che segue le tracce dei cercatori e dei commercianti di pietre preziose, dalla regione di Minas Gerais a Rio de Janeiro, percorrendo la storica strada dell’oro.

 

Un itinerario che mostra davvero un Brasile inconsueto, fatto di baie, antichi borghi coloniali portoghesi, fiumi, splendidi panorami, e un’avvolgente e coinvolgente atmosfera leggermente carioca.  Un itinerario che parte da Belo Horizonte, capitale della regione Minas Gerais, una città che offre una fra le migliori qualità di vita del Brasile con grandi viali, strade ariose, isolati simmetrici e un parco centrale. Affettuosamente chiamata Belô o Beagá, la città ha un’intensa produzione artistica e culturale, eccellente gastronomia, e soprattutto una formidabile ospitalità.



La città rappresenta anche un ottimo punto di partenza per visitare le splendide città coloniali nei dintorni, come
Ouro Preto inserita nell'elenco dei Patrimoni dell'umanità dell'Unesco per le sue numerose e storiche chiese barocche. Camminare per le pittoresche viuzze lastricate in pietra  di questo centro storico è davvero come fare un viaggio nel tempo.

Qui inoltre si può fare la conoscenza dell’arte sacra di Aleijadinho e Athayde, ma anche dell’artigianato locale e della tipica cucina mineira. L’itinerario prosegue sempre lungo la Estrada Real per raggiungere Tiradentes, località posta sulle pendici della Serra de São José e conosciuta per la sua importanza storica e culturale, e Barro do Pirai, dove si avrà modo di visitare alcune fazendas legate ala produzione del caffè.  Tiradentes deve il suo nome a un personaggio dell’Inconfidenza Mineira, movimento politico che lottava per l’indipendenza dl Brasile dalla dominazione portoghese.

A
Paraty, piccolo villaggio di pescatori ma vera perla di bellezza, si possono notare ancora oggi i più armoniosi insiemi architettonici coloniali del Paese e, dopo una visita nei dintorni di questo centro coloniale, si può raggiungere Rio de Janeiro, lungo la Estrada Imperial.

La città, chiamata anche “Cidade Maravilhosa”, è dominata dalla celebre statua del Redentor posta sulla cima del Corcovado ed è famosa in tutto il mondo per il suo mare e le sue spiagge, per la sua musica, per il suo Carnevale, ma vale la pena anche soffermarsi ad ammirare la sua architettura fatta di costruzioni suntuose e imponenti, i suoi quartieri storici e i suoi Parchi Forestali come quello di Pedra Branca e quello di Tijuca.

Un’esperienza da non perdere per chi percorrerà l’Estrada Real, è infine quella di salire a bordo dello storico treno a vapore Maria-Fumaça, così soprannominato per il suo fumo nero, che è ancora protagonista della rete ferroviaria del Minas Gerais e che, costeggiando vecchie case, fattorie, chiese, mentre il fischio della locomotiva risuona tra le montagne, porta alla scoperta delle principali cittadine coloniali, da Ouro Preto a Sao Joao del Rei e Tiradentes. 

Informazioni utili
Si arriva in Brasile praticamente con tutte le principali compagnie aeree. Tra queste Alitalia (
www.alitalia.it) Varig (www.varig.com.br) TAP (www.flytap.com) e Aerolinas Argentinas (www.aerolinas.com.ar). 
Non esiste una stagione migliore per partire. Ma bisogna tenere presente che le stagioni sono esattamente opposte a quelle dell’Europa, eccetto nelle regioni Nord e Nordest del paese dove il clima é tropicale.
Ente del Turismo Brasiliano
Piazza Navona 21 - Roma
tel. 06.68.39.81
www.embratur.gov.br/
Per l’Estrada real: www.estradareal.org.br
Tra gli operatori, RUTA 40 prevede soggiorni nelle fazendas storiche legate alla produzione del caffè, oggi Patrimoni dell’Unesco e un viaggio lungo l’Estrada Real. Quote a partire da 3.500 euro a persona (per minimo 4 partecipanti). Info: tel. 011/7718046, www.ruta40.it

copyright 2010 © TURISMO.it / Nexta – www.lastampa.it

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna