Pin It

Arielli è un comune della Provincia di Chieti, in Abruzzo

Il patrono, San Michele Arcangelo, si festeggia il 29 settembre.

Frazioni: elenco in fondo alla pagina.

Confina con i comuni di Canosa Sannita, Crecchio, Orsogna, Poggiofiorito.

Fa parte dell’Unione dei Comuni della Marrucina.

E' posizionato su un colle che domina l'area sorgentifera dell'omonimo fiume.

Il suo territorio è dolcemente collinare, ricco di vigneti e uliveti.

Si segnala nella Chiesa della Madonna delle Grazie una statua cinquecentesca, molto restaurata, raffigurante la Madonna col Bambino.

Il primo documento che riporta notizie riferibili ad Arielli risale al XII secolo.

Nel periodo carolingio, quando in Italia si fece strada il feudalesimo, Arielli fu racchiuso entro mura più sicure dalla costruzione di un castello che per stile, architettura ed uso si può riferire al periodo fra l'800 e il 1000.

Non si sa chi l'abbia costruito.

Abbiamo notizie affidabili solo sul suo possessore nel 1145, il conte Boemondo di Manoppello che per la sovvenzione delle Crociate per il suo feudo di Argello fu tassato di un soldato a cavallo.

Dopo che la proprietà del feudo di Arielli fu tolta nel 1528 alla città di Lanciano, il barone Luca Andrea Arcuzio Resio nel 1561 fece restaurare il castello e lo rinforzò.

Tra le famiglie che ne ebbero il possesso sono da ricordare i Doria, i de Vega, i Costa.

Nel 1904 il castello dopo circa due secoli di abbandono crollò e ne furono rimossi i ruderi per la realizzazione dell'odierna Piazza Crognali.

Nel Santuario della Madonna delle Grazie è possibile ammirare una statua lignea policroma raffigurante una Madonna con bambino, inoltre nell'abitato sono presenti i resti del castello medievale, e la chiesa di San Rocco e San Michele risalenti al XIII secolo.

Duramente colpita dai bombardamenti della seconda guerra mondiale, che hanno distrutto gran parte del centro abitato, è stata ricostruita nel dopoguerra.

Monumenti e luoghi d'interesse

• I resti del castello.

• La chiesa della Madonna delle Grazie. Il corpo della chiesa è suddivisa da una cornice marcapiano. Sulla facciata, a capanna, vi è il portale con, ai lati due pilastri e sopra un piccolo cornicione con due archi tronchi. sopra la cornice marcapiano vi è una finestra rettangolare, sopra di esso vi è un timpano con, all'interno una piccola finestrella circolare a forma di oblò. Nei prospetti laterali, sopra la cornice marcapiano vi sono altre finestre ad arco ribassato. Il campanile, posto nel retro presenta una cella campanaria con delle aperture squadrate ed un cuspide piramidale. All'interno vi è una statua della Madonna con bambino.

• La chiesa di San Rocco. La facciata è a capanna mentre il portale con la sovrastante lunetta è strombata. Sopra la lunetta vi è un classico rosone, la facciata è incorniciata da laterizio, sotto il cornicione vi sono degli archetti ciechi. È risalente al XII secolo

• La chiesa di San Michele Arcangelo. La facciata è suddivisa in due livello da una cornice marcapiano. La parte centrale del corpo principale è prominente, in esso vi è un portale sormontato da una lunetta. Sopra la cornice marcapiano evi è una finestra rettangolare sormontato da un piccolo cornicione, sopra di esso vi un timpano con, all'interno una finestra circolare a forma di oblò. Due archi a tutto sesto discendono dal timpano verso la cornice marcapiano verso due corpi minori. Nel corpo a sinistra, guardando la facciata, vi è un orologio e, sopra, un campanile a vela realizzato in ferro. È risalente al XII secolo.

• La chiesa di Santa Brigida. La facciata è a capanna. Il portale, rettangolare, è sormontato da una vetrata pentagonale. Altre vetrate di forma esagonale irregolare sono poste ai lati del portale, due per lato. Il campanile è a vela. La facciata è in laterizio incorniciato da cemento. La chiesa è in stile moderno.

Personalità legate ad Arielli

Fidel LaBarba

Eventi e tradizioni

Ultima domenica di maggio, Festa in onore di San Mauro Abate;

Seconda domenica di agosto e lunedì, festa della Madonna delle Grazie;

29 settembre, festa del patrono, San Michele Arcangelo.

Frazioni: Colle Martino, Contrada Valle, Fonte delle Chiavi, Fonte delle pere, Fonte grande, Pescarese, San Romano, Villa Carloni.

tutti pazzi per la Civita

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna