Pin It

Campotosto è un comune della Provincia dell'Aquila, in Abruzzo.

 

Il patrono, la Madonna della Visitazione, si festeggia il 2 luglio.

Frazioni: elenco in fondo alla pagina.

Confina con i comuni di Amatrice (RI), Capitignano, Crognaleto (TE), L'Aquila, Montereale.

Fa parte del Parco Nazionale Gran Sasso e Monti della Laga

Dà il nome al lago, centro dell'omonima riserva naturale, di istituzione piuttosto recente.

Situato a 1.420 m.s.l.m. è uno dei centri abitati più elevati dell'Appennino.

È adagiato accanto all'omonimo lago artificiale, formato dal Rio Fucino.

Nel suo territorio è compresa gran parte della Riserva Natu­rale di Popolamento Animale che prende il nome dal lago.

L'aspetto dell'abitato è sette-ottocentesco, data la ricostruzione posteriore al grave terremoto del 1703: le case sono costruite in pietra are­naria, con finestre ridotte a causa del clima rigido.

Ricordiamo la chiesa di Santa Maria Apparente, dalla facciata cinquecentesca.

Stazione di turismo estivo e di sport invernali, il paese è assai noto per i suoi insaccati di suino.

Il comune si trova nella parte più settentrionale della provincia dell'Aquila al confine con il Lazio a nord e la provincia di Teramo ad est, in un bacino montano a partire dai 1340m s.l.m. del lago omonimo, al centro del territorio occupato dall'omonima Riserva Statale, nel territorio del Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga.

Il territorio è dominato dai Monti della Laga, che raggiungono in questo tratto il punto più elevato con Monte di Mezzo (2.155m) rappresentando uno spartiacque appenninico secondario, e risulta scarsamente antropizzato con un ambiente montano quasi del tutto integro.

Sempre nel territorio transita un tratto della grande Ippovia del Gran Sasso nel suo ramo più settentrionale.

Il comune è raggiungibile dal versante aquilano, Passo delle Capannelle, e da quello teramano attraverso la SS 80 del Gran Sasso d'Italia, mentre accessi secondari provengono sia dal versante laziale amatriciano che dalla sottostante conca del Monrealese, Aringo e Capitignano.

Ha subito gravi devastazioni nel passato durante le contese per questioni di confine tra Amatrice e Aquila; il toponimo "castello", col quale viene indicata la parte alta del paese, è di origine medieo­vale e fa supporre la presenza, in passato, di elementi difensivi.

Nella comunità di Campotosto, fino al 1960, erano ancora presenti famiglie le quali allevavano in proprio bestiame vario, con prevalenza di pecore e suini, che davano salumi e formaggi vari che venivano poi stagionati: famosa è a tutt'oggi la Mortadella di Campotosto, uno dei prodotti tipici locali.

Le case erano costruite con pietre argillose, molto comuni nel territorio di Campotosto e Poggio Cancelli: per strada si possono ancora vedere le case più antiche mentre le case di nuova produzione sono comunque stuccate in modo da ricoprire parzialmente le pietre argillose.

I suini venivano allevati al principale scopo di produrre carne secca e quasi mai carne fresca.Le rigide temperature non permettevano ai campotostari di allora, e anche di oggi, una vita serena e tranquilla: numerose sono ancora oggi le tormente e gli accumuli di neve sono quasi sempre alti e duraturi.

Anche se il Lago di Campotosto ha privato i residenti di molti terreni per il pascolo dei vari animali, specialmente pecore e capre, è oggi una delle maggiori attrazioni turistiche: sul lago d'estate, grazie ai meccanismi termici delle brezze, sono praticati sport come il Windsurf, il Kitesurf e la canoa mentre in inverno spesso si ghiaccia completamente.

Durante la sequenza sismica del Terremoto dell'Aquila del 2009 Campotosto è epicentro di diverse scosse più lievi o repliche (afterschocks) dopo il mainshock del 6,3 scala Richter, IX scala Mercalli, ore 3.32 con epicentro L'Aquila: scosse lievi che però hanno reso pericolanti alcune case vecchie del comune.

Eventi e tradizioni

2 luglio: festa di Maria Santissima Apparente;

14-15 agosto: festa e fiera del­l'Assunta, durante la quale si celebra la sagra delle famose mortadelle. Caratteristiche le sfide di "canti a braccio", into­nati dai pastori del luogo su ottave di argomento epico.

Frazioni: Case Isaia, Mascioni, Ortolano, Poggio Cancelli, Rio Fucino.

tutti pazzi per la Civita

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna